Roma. Mobilità sostenibile

62

ITALIA – Roma. Erano circa 750 i mq dedicati alla mobilità sostenibile nell’ambito del Motodays. Un’esposizione dei veicoli elettrici più venduti nella Penisola, ed uno sguardo sulle prospettive della mobilità urbana, con prototipi che descrivono quanto sia oramai avanzato lo stato della ricerca sia europea che italiana in questo settore.

ElettroCity, questo il nome dell’iniziativa romana, ha visto esposti sedici veicoli a propulsione elettrica, con Renault che ha presentato Twizy, Birò ed Ecojumbo, insieme a Brammo Timeless la prima enduro elettrica al mondo, i-Car0 inedita microcar di GreenGo, Tesla Motors con la sua omonima coupé e Kalat la bicicletta a pedalata assistita che si avvicina oramai per linea e prestazioni ad uno scooter di bassa cilindrata. Vi era inoltre, la possibilità di ammirare alcune delle più accattivanti e-bike prodotte in Europa.

ElettroCity si distingue per essere un’iniziativa a impatto zero suddivisa in due momenti, il primo a Motodays, dove si invita il grande pubblico a scoprire il mondo della mobilità sostenibile; il successivo, direttamente a Officine Farneto dal 21 al 24 marzo, dove i romani saranno invitati a testare oltre 60 veicoli elettrici con la possibilità di effettuare acquisti usufruendo degli ecoincentivi a disposizione, arrivati oramai al 20% del prezzo applicabile ad auto, microcar, scooter e moto prodotte da tutte le aziende che avranno aderito al programma governativo in vigore dal 14 marzo.

Da parte sua, anche Smart ha presentato al salone romano le sue soluzioni per una mobilità a zero emissioni, con un’e-bike considerata una vera e propria smart a due ruote, da affiancarsi alla oramai terza generazione di Smart Fortwo electric drive, simbolo della mobilità urbana totalmente elettrica firmata Daimler-Mercedes. Innovazioni che ambiscono a soddisfare le necessità e i vezzi del consumatore, prevedendo un rigeneratore d’energia in fase di frenata ed una porta Usb integrata per interfacciarsi con eventuali smartphone, trasformando, tramite un’applicazione dedicata, il proprio I-phone in una centrale informativa del mezzo.