Robb: opzione militare contro ISIS

65

ITALIA – Roma 09/08/2014. Sull’onda del nuovo intervento statunitense in Iraq, è intervenuto il polemologo Usa John Robb con delle osservazioni al fulmicotone su Isis e l’Iraq.

Secondo l’esperto in guerra non convenzionale, «• la stupidità persiste. Il portavoce della Casa Bianca va ripetutamente dicendo: “Non ci sono soluzioni militari ai problemi dell’Iraq”. L’implicazione è che ci siano soluzioni politiche. È un dato chiaramente sbagliato. Isis continuerà a espandersi finché non verrà fermato a terra. Le soluzioni militari sono le uniche soluzioni al momento.
• Isis, oggi, non ha solo il petrolio, ma ha anche l’elettricità. Da poco controlla la più grande diga idroelettrica dell’Iraq (Haditha). Il controllo sull’energia gli fornisce un minimo di legittimità. Sarebbe intelligente togliergli queste fonti energetiche.
• Isis è ora a poca distanza da Erbil, la capitale della zona autonoma curda dell’Iraq. Purtroppo i curdi, non sono stati in grado di approntare un sistema di difesa valido. Non hanno le armi per farlo a causa degli embarghi turchi e iracheni. Armiamoli.
Questa è anche l’occasione in cui i droni militari potrebbero rapidamente cambiare le sorti della guerra.
Isis non ha ancora un controllo profondo del suo territorio a causa della sua velocità di avanzamento. Sta vincendo più per la velocità e la sorpresa che per la forza delle armi. I droni del tipo giusto potrebbero trasformare la situazione attuale con poco rischio.
Isis sta scommettendo sull’inerzia dell’Occidente e questa scommessa, al momento, sta dando i suoi frutti. Gli Stati Uniti stanno ignorando Isis perché il suo riconoscimento come una minaccia comporterebbe per gli gli Stati Uniti l’ammissione di aver perso la guerra in Iraq (e che la decisione di invadere il paese è stata un terribile errore).

P.S.: Potrebbe essere una buona dimostrazione del motivo per cui un drone è più prezioso di un aereo in termini di potenza di proiezione. Oltre 100 droni per nave rispetto agli aerei. Tutto il personale resta a bordo, lontano da pericoli».