RISCALDAMENTO GLOBALE. Le nuove guerre per l’acqua: dalla Siria all’Iran

124

La siccità negli anni precedenti la guerra civile in Siria ha causato un collasso agricolo in alcune parti, costringendo le famiglie a migrare verso le città in numero sempre maggiore e intensificando la contrapposizione sociale nelle città.

La carenza d’acqua può diventare un fattore scatenante di disordini e ribellioni anche in altri paesi della regione, le faide per l’acqua tra stati vicini e le proteste per la carenza d’acqua stanno scoppiando una dietro l’altra nella fascia del Medio Oriente e del Nord Africa, foriere di problemi politici e sociali più gravi.

Algeria, Iran, Iraq, Sudan e Yemen hanno tutti visto le frustrazioni legate alla siccità ribollire con la cattiva gestione del governo e la corruzione incolpata dalla gente del posto per la scarsità d’acqua tanto quanto il cambiamento climatico.

In Iran almeno tre persone, secondo le autorità, sono state uccise durante settimane di violente proteste per la carenza d’acqua nella provincia sud-occidentale di Khuzestan e nella città di Aligoodarz nella provincia di Lorestan.

Il servizio meteorologico iraniano ha detto che da ottobre 2020 a metà giugno 2021 sono stati i mesi più secchi degli ultimi 53 anni. Il ministro dell’Energia iraniano ha riconosciuto che il paese sta affrontando una crisi idrica.

Secondo i dati iraniani non ufficiali, ci sarebbe acqua sufficiente solo per altri due o tre mesi nel Khuzestan e ha avvertito che il serbatoio della diga di Karkheh si sta riducendo in modo allarmante. Il serbatoio ha una capacità di quasi 6 miliardi di metri cubi d’acqua ed è sceso a circa 2 miliardi.

Molti analisti occidentali hanno spesso trascurato l’importanza dell’acqua come fattore di conflitto in Medio Oriente e la siccità come catalizzatore di instabilità sociale e politica. La siccità è stata una costante storica nella regione, ma le carenze d’acqua stanno diventando più intense e più lunghe grazie a stagioni secche più lunghe, temperature più alte e livelli di pioggia in calo; i climatologi dicono che è dovuto al riscaldamento globale.

Ma gli scienziati politici e gli idrologi dicono che la cattiva gestione politica e la corruzione del governo sono anche le cause principali della siccità.

Anche l’Iraq sta lottando con carenze d’acqua acute e croniche e anche la costruzione di dighe si è dimostrata controproducente, dicono i critici. «Si stima che l’evaporazione dalle dighe e dai serbatoi faccia perdere al paese fino a 8 miliardi di metri cubi d’acqua ogni anno», riporta la britannica Chatham House in uno studio all’inizio di quest’anno. «Storicamente, l’Iraq rivendicava una delle riserve d’acqua più abbondanti del Medio Oriente. Ma il flusso dei fiumi Tigri ed Eufrate si è ridotto fino al 40% dagli anni ’70, in parte a causa delle azioni dei paesi vicini, in particolare la Turchia, a monte. L’aumento delle temperature e la riduzione delle precipitazioni a causa del cambiamento climatico stanno anche influenzando negativamente le riserve d’acqua dell’Iraq».

«La scarsità è servita anche ad alimentare il conflitto: le comunità di fronte alle successive siccità e all’inerzia del governo si sono dimostrate facili bersagli per i reclutatori dell’Isis, che hanno attirato i contadini ad unirsi a loro offrendo denaro e cibo per nutrire le loro famiglie. Le difficoltà economiche per coloro il cui sostentamento dipendeva dall’acqua del fiume hanno anche spinto la migrazione dalle campagne alle città, mettendo a dura prova le città già sovrappopolate, esacerbando le carenze di alloggi, lavoro ed elettricità, e allargando il divario tra chi ha e chi non ha», prosegue lo studio Chatham.

Per compensare le carenze, gli agricoltori e i governi di tutta la regione stanno pompando enormi quantità di acque sotterranee, il che a lungo termine è insostenibile e rischia di trasformare le terre fertili in deserti. Nel 2015, i satelliti della Nasa hanno mappato le perdite cumulative di acqua dolce nella regione dal 2002 e hanno scoperto che parti dell’Iran e dell’Iraq hanno registrato un impoverimento delle acque sotterranee grazie soprattutto all’attività umana.

«L’esaurimento delle acque sotterranee in Turchia, Siria, Iraq e Iran, e lungo la penisola arabica, stanno portando a grandi cambiamenti nello stoccaggio totale dell’acqua nella regione (…) Allo stesso modo, la siccità e il pompaggio delle acque sotterranee stanno contribuendo al prosciugamento della regione del Mar Caspio. Il sistema acquifero del Sahara nord-occidentale, che sottende la Tunisia e la Libia, sta anche sperimentando un crescente stress idrico», afferma la missione Gravity Recovery and Climate Experiment della Nasa.

Con l’avanzare della crisi, ci sono anche rischi di conflitto tra stati vicini che competono per le scarse risorse idriche. In aprile, il leader egiziano Abdel Fattah el-Sisi ha avvertito del rischio di conflitto per la gigantesca diga etiope sul Nilo Azzurro, dopo che i colloqui sull’acqua che coinvolgono i due paesi e il Sudan si sono conclusi in modo inconcludente: «Sto dicendo ai nostri fratelli in Etiopia, non raggiungiamo il punto in cui si tocca una goccia d’acqua dell’Egitto, perché tutte le opzioni sono aperte».

Lucia Giannini