Uzbekistan: si punta sulle rimesse bancarie

55

UZBEKISTAN – Tashkent. Le rimesse verso i paesi in via di sviluppo in Europa e Asia centrale (ECA), sono aumentate del 10,8 per cento e ha raggiunto 42,6 miliardi dollari nel 2013. Si prevede che nel 2014 il volume delle rimesse nella regione aumenterà del 10,3 per cento. Fonte Banca Mondiale.

Il costo medio mondiale di invio delle rimesse è del 9 per cento dell’importo trasferito, e nel 2012 questa cifra non è cambiato. Il costo delle rimesse sta lentamente diminuendo, ma comunque varia molto da paese a paese. In generale, la tendenza a ridurre il costo di elaborazione delle transazioni continua. Tuttavia, i costi associati alle rimesse variano notevolmente a seconda del “corridoio di passaggio”. Con l’aumento delle rimesse cresce anche rispettivamente il numero di sistemi che offrono la rimessa. Sistemi di rimessa sono divisi in banche e nonbanking. Con sistemi di rimessa bancari comprendono, per esempio, “Unistream” per non bancario – sistemi internazionali Western Union, Money Gram, Migom, «Golden Crown» e altri. Oggi, tuttavia, in alcuni paesi, le autorità di regolamentazione sono limitare alle attività di alcuni sistemi di trasferimento di denaro non bancari nei loro mercati. Ciò è dovuto principalmente alla scarsa redditività delle operazioni e inefficiente cooperazione con tali società. Nel sistema di rimessa non bancario altamente competitivo è ingiustificato sottovalutare il valore dei servizi offerti. Di conseguenza, il margine ricevuto dall’istituto di credito, l’agente non copre i costi di attuazione di una transazione per trasferire fondi. Inoltre, attirando una notevole quantità di clientela, questi sistemi stanno guadagnando importanti quote di mercato il che comporta notevoli rischi. Nei paesi in cui è stata sospesa l’attività di qualche sistema non bancario, i regolatori hanno anche espresso la preoccupazione che questi sistemi non saranno in grado di soddisfare gli obblighi richiesti. Il15 gennaio di quest’anno, 13 banche commerciali dell’Azerbaigian hanno cessato di fornire servizi attraverso il sistema di pagamento “Golden Crown”. Tale decisione è stata presa a causa della bassa redditività delle operazioni offerte dal “Golden Crown” e l’inefficacia della collaborazione con la società. I negoziati sono durati quasi un anno, avviato dalle banche della repubblica, non hanno avuto successo. Inoltre, recentemente il sistema di rimessa “Migom” ha smesso di lavorare come partner di banche di Mosca. L’azienda non ha commentato la situazione. Le istituzioni finanziarie internazionali hanno espresso preoccupazione per l’uso di sistemi di trasferimento di denaro per il riciclaggio dei proventi di reato e il finanziamento del terrorismo.

Per eliminare questi rischi applicano una serie di approcci, comprese le iniziative delle autorità pubbliche per attuare le raccomandazioni dei fondi di azione finanziaria internazionale (GAFI / FATF – Financial Action Task Force). Le raccomandazioni del GAFI sono volte a ciascun paese che deve o ha preso misure adeguate per creare le condizioni per le attività dei fornitori di servizi di trasferimento di denaro, vale a dire – effettuata la registrazione o autorizzazione, e ha dovuto assicurare che le loro attività con le raccomandazioni del GAFI (www.imf.org). Anche in Uzbekistan si gestiscono notevoli somme di denaro “trasferito” sia bancario che non bancario. Si tratta di sistemi elaborati congiuntamente con le banche della repubblica, vale a dire che fornisce servizi attraverso la propria rete di filiali esistenti di banche. Le infrastrutture bancarie formatisi in Uzbekistan, comprendono 27 banche commerciali, con sedi regionali e mini-banche e assicurazioni speciali, sia per i sistemi di trasferimento di denaro che la rete di sportello di servizio al cliente. È anche interessante notare che i risultati del 2013 mostrano come su 100.000 adulti uzbeki vi siano 49.7 istituti bancari, uno dei più alti tassi al mondo. Per l’analisi dei prezzi per i servizi di sistemi di trasferimento di denaro è stato scelto come le rimesse più convenienti e diffusi 500 dollari. Il costo medio di invio di una rimessa di Uzbekistan nel vicino e lontano all’estero varia notevolmente. Secondo il portale governativo UZREPORT.UZ il tasso di interesse medio del trasferimento di denaro da Uzbekistan ai paesi limitrofi varia dal 1% al 3,6%, e in altri paesi stranieri – da 1% a 8%. In questo come in altri paesi, una serie di sistemi in rimesse Uzbekistan riduce le tariffe al fine di preservare i vecchi clienti e attirare nuovi clienti. Nel prossimo futuro possiamo aspettarci consolidamento del mercato e l’aumento delle tariffe, in quanto il reddito derivante potrebbe essere insufficiente a coprire i costi di mantenimento di una rete agenziale e l’introduzione di prodotti innovativi. Si prevede che in futuro i leader di mercato saranno quelli delle rimesse, che più di ogni altra introdurrà tecnologie avanzate, nonché vari strumenti di marketing e di pubblicità. Poiché la differenza tra relativamente elevata e relativamente basso tasso di traduzione diventa insignificante, i clienti sceglieranno i servizi affidabili, più rapidi, convenienti e soprattutto. Queste qualità saranno anche importanti per le banche nella scelta di un partner.