REPUBBLICA CECA. I paesi Visegrad ribadiscono che la Russia non minaccia l’UE

113

Il premier ceco Petr Fiala ha dichiarato ai media in una conferenza stampa dopo la riunione dei leader del V4 (Visegrad 4) in Slovacchia che l’Ungheria è d’accordo con gli altri Paesi sul fatto che «la Russia non deve rappresentare una minaccia per l’Europa», nonostante «le diverse opinioni su alcune questioni».

L’incontro del V4 si è svolto il 24 novembre a Kosice, seconda città della Slovacchia, non lontano dal confine con l’Ucraina, mentre emergeva la notizia che la Commissione europea avrebbe trattenuto fino a 13,3 miliardi di euro di trasferimenti di fondi europei a causa della corruzione sistematica e del regresso dello Stato di diritto nel Paese, autorizzati da Fidesz. I problemi economici e l’isolamento politico dell’Ungheria potrebbero ancora aggravarsi.

«Abbiamo avuto l’opportunità di chiarire alcune questioni e alcuni malintesi e posizioni che si sono manifestati in passato», ha detto Fiala a proposito dell’incontro, che è stato dominato dall’aggressione della Russia in Ucraina, dalla crisi energetica e dalla migrazione.

Il premier ungherese Viktor Orban ha ribadito l’opposizione dell’Ungheria agli sforzi dell’Ue per raccogliere fondi per l’Ucraina sui mercati finanziari. «Siamo a favore dell’aiuto finanziario all’Ucraina, lo consideriamo giusto e necessario. Tuttavia, l’Ungheria ha già stanziato la sua parte dal nostro bilancio nazionale», ha dichiarato Orban ai media.

I leader parlamentari cechi Milos Vystrcil e Marketa Pekarova Adamova hanno deciso di boicottare l’incontro per la posizione dell’Ungheria nei confronti dell’Ucraina e sono stati raggiunti dal leader del Sejm polacco Tomasz Grodzki, costringendo gli organizzatori slovacchi a cancellare la riunione dei leader parlamentari del formato V4 originariamente prevista per venerdì 25 novembre. 

Poco prima dell’incontro dei premier del V4, Orban ha scatenato una tempesta diplomatica dopo aver postato una foto in cui indossa una sciarpa con i colori nazionali dell’Ungheria e mostra il Paese nei suoi confini precedenti alla Seconda guerra mondiale, che comprendevano parti delle attuali Austria, Croazia, Romania, Slovacchia, Serbia e Ucraina.

I leader del V4 hanno inoltre promesso di aiutare l’Ungheria a far fronte al flusso migratorio e hanno chiesto di proteggere il confine esterno dell’UE. «Abbiamo sostenuto l’Ungheria non solo in termini dichiarativi, ma anche fisicamente, sia con il dispiegamento di più poliziotti che con l’assistenza finanziaria», ha detto Heger in una conferenza stampa. Orban ha sottolineato che l’Ungheria è l’unico Paese ad affrontare un flusso migratorio proveniente da due direzioni, riferendosi alla rotta meridionale utilizzata dai rifugiati di guerra dalla Siria e a quella orientale dall’Ucraina.

L’uomo forte ungherese ha annunciato che il suo Paese sostiene l’adesione alla Nato di Finlandia e Svezia. «Il governo ha preso la decisione, abbiamo informato anche Svezia e Finlandia. Non hanno perso un secondo di appartenenza alla Nato», ha dichiarato Orban.

Il premier polacco Mateusz Morawiecki ha criticato l’Ungheria per aver indugiato nell’approvazione dell’adesione dei Paesi nordici e, in vista dell’incontro, Morawiecki ha dichiarato che Cechia, Polonia e Slovacchia chiederanno all’Ungheria di accelerare la ratifica.

«Ci è stato promesso che questo dovrebbe avvenire nella prima sessione del Parlamento del prossimo anno, quindi la ratifica avverrà tra circa un mese e qualcosa», ha detto Morawiecki in una conferenza stampa.

Il governo ungherese ha presentato il progetto di legge di ratifica al Parlamento settimane fa, ma il Parlamento, con una maggioranza di due terzi da parte di Fidesz, non l’ha ancora messo all’ordine del giorno.

Dei 30 Paesi dell’alleanza militare, solo Ungheria e Turchia non hanno ratificato l’adesione di Svezia e Finlandia.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW