REGNO UNITO. In Scozia vince il SÌ al referendum per l’indipendenza

462

L’ultimo sondaggio sul referendum per l’indipendenza della Scozia ha dato risultati clamorosi: il 72% delle persone di età compresa tra i 16 e i 24 anni ha detto “SÌ”.

Prima che il 23 novembre la Corte Suprema dichiarasse che il Parlamento scozzese non poteva legiferare per un referendum sull’indipendenza senza l’accordo del Parlamento britannico, la maggior parte dei sondaggi su come si voterebbe in un altro referendum sull’indipendenza dava il “NO” in vantaggio di poco, riporta MercoPress.

Cinque sondaggi condotti a settembre e ottobre davano il No in media al 51% (esclusi gli indecisi) mentre il Sì era accreditato del 49%. Tuttavia, quattro sondaggi condotti dopo la sentenza della Corte Suprema danno tutti il Sì in vantaggio, in media 54% a 46%.

Il sostegno all’indipendenza non è stato costantemente così alto nei sondaggi dall’inizio del 2021, quando la Scozia era ancora nel bel mezzo del blocco della Covid-19.

La decisione della Corte Suprema è stata ampiamente accolta da coloro che vorrebbero che la Scozia rimanesse parte del Regno Unito. Ma nel breve periodo, sembra aver minato un po’ il sostegno popolare all’Unione.

In media, negli ultimi sondaggi quasi tre quarti (72%) di coloro che hanno tra i 16 e i 24 anni affermano che voterebbero Sì, mentre solo due su cinque (40%) di coloro che hanno 65 anni o più vogliono che la Scozia lasci il Regno Unito.

Al contrario, c’è un sostegno maggioritario per l’indipendenza sia tra gli uomini (53%) che tra le donne (54%) – una grande differenza rispetto alla posizione del 2014, quando gli uomini erano nettamente più propensi delle donne a votare Sì.

Per la maggior parte coloro che vogliono che la Scozia diventi indipendente sostengono l’idea, mentre coloro che desiderano rimanere nel Regno Unito si oppongono.

Ipsos ha rilevato che mentre due terzi dei sostenitori del Sì preferirebbero un referendum l’anno prossimo, un quarto vorrebbe rimandarlo a un momento compreso tra il 2024 e il 2026.

Tuttavia, le loro opinioni sono ancora molto diverse da quelle dei sostenitori del No, di cui solo il 6% vuole un referendum in qualche momento tra oggi e le prossime elezioni di Holyrood nel 2026.

YouGov ha anche rilevato che i sostenitori del Sì sono più propensi a indire un referendum nei prossimi cinque anni che a tenerlo l’anno prossimo, ma che la maggior parte dei sostenitori unionisti non è entusiasta di nessuna delle due prospettive.

Ma perché la decisione della Corte Suprema potrebbe aver convinto alcuni elettori a passare al Sì?

Un possibile indizio viene dal sondaggio di YouGov, secondo il quale il 51% degli elettori ritiene che il Parlamento scozzese debba avere il potere di indire un referendum senza l’accordo del governo britannico, mentre solo il 39% è di parere opposto.

Forse l’aspetto cruciale è che quasi un quarto (23%) di coloro che hanno votato No nel 2014 ritiene che il Parlamento scozzese debba poter indire un referendum.

Ciò suggerisce che la decisione della Corte Suprema potrebbe aver irritato alcuni elettori.

Tuttavia, lo stesso sondaggio di YouGov suggerisce anche che gli elettori hanno dei dubbi sulla proposta di Nicola Sturgeon, sulla scia della decisione della Corte Suprema, secondo cui un voto di maggioranza per i partiti favorevoli all’indipendenza alle prossime elezioni britanniche dovrebbe essere considerato come un mandato per l’indipendenza.

Solo il 39% è favorevole a questa idea, mentre il 52% si oppone – tra cui quasi uno su quattro (23%) di coloro che hanno votato per l’SNP alle ultime elezioni britanniche del 2019.

Ad ottobre il primo Ministro scozzese aveva già annunciato l’intenzione di far tornare in circolazione la sterlina scozzese, la moneta della Scozia tra il XII e il XVIII secolo, in caso di indipendenza dalla Gran Bretagna.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/