REGNO UNITO. A casa di Jane Austen

47

Per chi si è appassionato ai romanzi di Jane Austen, sa che la scrittrice britannica quando scriveva desiderava più di ogni altra cosa indagare se stessa, cercava di comprendere i suoi legami con il mondo circostante, capire quanto e come l’esterno influisse sulla sua personalità: l’interno o interiorità.

Ed è a questa voglia di conoscere se stessi che da vita al museo, dedicato a Jane Austen e alla sua voglia di approfondire i presunti legami con il contesto coloniale.

In altre parole, è in corso una “indagine” per stabilire se lo scrittore sia colpevole di utilizzare tè, zucchero e cotone, considerati “prodotti dell’impero”.

Lizzie Dunford, direttrice del Jane Austen House Museum di Chawton, Hampshire ha dichiarato a The Telegraph di voler evidenziare gli aspetti raramente discussi della storia personale dello scrittore. Ad esempio, si nota che il padre di Austen, il reverendo George, non era solo il pastore di una parrocchia locale, ma anche l’amministratore di una piantagione di zucchero ad Antigua, scrive l’Huffington Post.

«La tratta degli schiavi e le conseguenze del colonialismo dell’era della reggenza hanno colpito ogni famiglia con mezzi finanziari durante quel periodo. La famiglia di Jane Austen non ha fatto eccezione», ha detto il direttore del museo.

È stato quindi rivelato che queste circostanze sarebbero state evidenziate da pannelli speciali installati nel Jane Austen House Museum come parte di un “processo continuo e ponderato” dell’indagine storica dell’autore.

L’annuncio, ça va sans dire, ha subito suscitato polemiche. Alcuni hanno definito l’iniziativa una “follia”, sostenendo che il museo sarebbe caduto vittima di eccessi culturali.

L’istituzione austiniana non è l’unica. Nell’ultimo anno, l’ondata di proteste della sua vita ha portato alcune organizzazioni storiche e di alto profilo a “rivalutare” i legami con la schiavitù e il razzismo.

Tant’è che il governo del Regno Unito, lo scorso settembre, ha inviato una lettera a 26 musei beneficiari di finanziamenti pubblici per imporre il divieto di rimozione delle statue ritenute controverse.

La lettera, pubblicata da The Telegraph, porta la firma del Segretario di Stato per la Cultura Oliver Dowden e afferma: «Il governo non sostiene la rimozione di statue o oggetti simili».

La storia implica complessità morale. “Statue e altri oggetti storici sono stati creati per generazioni con diversi punti di visita e diversi modi di capire cosa è giusto e cosa è sbagliato”.

«Alcuni rappresentano figure che hanno detto o fatto cose che oggi potremmo trovare molto offensive e che non difenderemmo (…) Tuttavia, la lettera continua, anche se oggi possiamo non essere d’accordo con chi ha creato quegli oggetti o con ciò che quegli oggetti rappresentano, giocano ancora un ruolo importante nel nostro apprendimento del nostro passato, con tutti i suoi difetti».

«Le femministe che leggono Jane Austen possono incontrare la sua ingegnosità e, a volte, commenti duri e violenti contro gli uomini, i matrimoni e la mancanza di potere delle donne. Quando i teorici postcoloniali lo leggono, trovano schiavitù e sostegno all’espansione coloniale dell’Impero britannico. Quando i marxisti lo leggono, trovano i mali della famiglia come un microcosmo esemplare dei mali sociali più ampi del mondo. “Ci sono pochissimi che stanno cercando la vera Jane Austen e quali potrebbero essere le sue intenzioni quando ha iniziato a scrivere i suoi romanzi».

Lucia Giannini