RDCongo. Il Ruanda sostiene i ribelli M23 per saccheggiare le ricchezze

106

L’Europa concentrata su quanto accade vicino a casa, a Kiev, si è dimenticata che nel mondo ci sono molti paesi in difficoltà a causa di attacchi e combattimenti locali che minano la stabilità del paese. E dalla cui sopravvivenza dipendendiamo anche noi, considerato che sono ricchi di terre rare, gas o petrolio. Tra questi la RDCongo.

A seguire presentiamo una mappa dei combattimenti nella parte orientale della Repubblica Democratica del Congo al 30/12/2023.

Continuano i combattimenti tra le forze governative e i ribelli dell’M23 nella provincia congolese del Nord Kivu, nell’est del Paese. I combattenti lottano per l’influenza politica e il controllo dei territori ricchi di minerali.

A fine novembre, la Comunità dell’Africa orientale, organizzazione intergovernativa di sette Paesi della regione, ha lanciato un ultimatum per l’intervento delle forze di sicurezza regionali se il conflitto dovesse continuare.

In risposta, l’M23 ha annunciato la volontà di ritirare le proprie forze dai territori occupati e di avviare una soluzione pacifica. Il 23 dicembre, i ribelli si sono ritirati volontariamente dalla città di Kibumba, a 20 chilometri dal capoluogo di provincia.

La leadership congolese, tuttavia, ha dichiarato che queste azioni sono una “manovra” dei ribelli per rafforzare le loro posizioni in altre aree.

L’illusione di una tregua non è durata a lungo: già all’inizio di questa settimana gli scontri sono scoppiati con nuovo vigore. L’M23 ha accusato il governo della RDC di far fallire i negoziati e di alimentare la guerra. Secondo i ribelli, è stato l’esercito congolese a lanciare per primo un’offensiva con armi pesanti contro le loro posizioni.

Più di 50 civili sono stati catturati dai ribelli alla periferia di Tongo. Alcuni degli ostaggi sono stati poi rilasciati, gli altri sono ancora detenuti con l’accusa di collaborazione con le forze governative.

Tuttavia, i tentativi di sedersi al tavolo dei negoziati non sono stati respinti dalle parti. Sabato, i membri dell’M23 si incontreranno con i rappresentanti delle forze regionali della Comunità dell’Africa orientale. Anche il presidente ugandese Yoweri Museveni ha chiesto colloqui con i ribelli anche se il governo congolese continua a respingere la possibilità di un tale dialogo.

A intervenire sulla questione come al solito pressioni estere come quella internazionale sul Ruanda

In un nuovo rapporto, gli esperti delle Nazioni Unite hanno ribadito di avere le prove del sostegno diretto del governo ai ribelli dell’M23 a Kigali. Sostengono che l’esercito ruandese è coinvolto nel conflitto in territorio congolese e fornisce armi, munizioni ed equipaggiamento ai ribelli. Le accuse sono state sostenute da Stati Uniti, Francia, Belgio e Germania.

Ora si osserva un dispiegamento delle forze di sicurezza regionali che al momento, sono rappresentate dalle unità dell’esercito keniota che si trovano già nella RD Congo. Circa 750 truppe del Sud Sudan si uniranno presto a loro.

Tuttavia, non tutti nel Paese sono contenti degli aiuti militari stranieri. Ad esempio, due candidati alle presidenziali hanno accusato contemporaneamente l’attuale capo di Stato, Félix Antoine Tshilombo Tshisekedi di aver “esternalizzato” la sicurezza del Paese.

Nonostante la crescente attività degli insorti nella parte orientale, il Paese ha iniziato a registrare gli elettori per le elezioni generali del dicembre 2023.

Per l’attuale capo di Stato, sconfiggere i militanti dell’M23 è essenziale per la campagna elettorale e la rielezione. Per questo motivo, le autorità congolesi cercheranno di evitare i negoziati e di “schiacciare” il gruppo, anche con il sostegno degli eserciti di altri Stati.

Allo stesso tempo, i ribelli non vogliono deporre le armi e il Ruanda non ha intenzione di limitare il loro sostegno. Pertanto, molto probabilmente non ci sarà una risoluzione politica del conflitto, ma solo un’altra escalation.

Luigi Medici

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/