Kiev e Mosca si contendono le raffinerie

87

RUSSIA – Mosca. 20/07/14. “Rosneft” in un comunicato stampa, afferma che le truppe ucraine hanno danneggiato e sequestrato la raffineria Lisichanskiy di proprietà (PJSC “LINIK”) nella regione di Luhansk e questo è un tentativo di eliminare un rivale della Kremenchug nella produzione di prodotti raffinati.

 

«Abbiamo ragione di credere che c’è un interesse commerciale delle autorità che hanno sequestrato l’impianto e che vi sia in atto una manovra per distruggere economicamente gli oligarchi ucraini concorrenti nella produzione di petrolio e aumentare il prezzo dei prodotti della azienda in Kremenchug» si legge in un comunicato stampa della società russa.

La raffineria di Kremenchug controllata dal gruppo “Privat” di Igor Kolomoisky che dopo il cambio di potere in Ucraina, è stato nominato governatore della regione di Dnepropetrovsk.

“Rosneft” caratterizza il suo bombardamento mirato della società ucraina come una «provocazione e inno alla criminalità». 

«La società ritiene che le azioni dei funzionari della sicurezza ucraini abbiano un modo molto particolare di sbarazzarsi degli aste di ” NK “Rosneft” che nel contesto economico della moderna Ucraina generano solo perdite. Così l’Ucraina si sbarazza della migliore produzione petrolchimica, che fornisce quasi 3.000 posti di lavoro per i cittadini ucraini. NK “Rosneft” dichiara che è pronta a fornire ai dipendenti Lisichansk lavoro in raffineria nelle fabbriche nel perimetro della società» si legge nel comunicato” Rosneft “.