QATAR. Sinopec entra nello sviluppo GNL di Doha

95

QatarEnergy ha siglato un accordo di 27 anni per la fornitura di gas naturale liquefatto alla cinese Sinopec, l’accordo sul Gnl più lungo finora stipulato, anche se la volatilità dei mercati spinge gli acquirenti a cercare accordi a lungo termine. A giugno scorso, già si vociferava che le major petrolifere nazionali cinesi erano in trattative avanzate con il Qatar per investire nella Nfe.

Dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia a febbraio, la concorrenza per il Gnl è diventata intensa, in particolare l’Europa ha bisogno di grandi quantità per contribuire a sostituire il gas dei gasdotti russi che costituiva quasi il 40% delle importazioni del continente. «Oggi è una pietra miliare importante per il primo accordo di vendita e acquisto per il progetto North Field East, si tratta di 4 milioni di tonnellate per 27 anni alla cinese Sinopec», ha detto il capo di QatarEnergy Saad al-Kaabi a Doha, poco prima della firma dell’accordo, riporta Reuters

«Significa che gli accordi a lungo termine sono arrivati e sono importanti sia per il venditore che per l’acquirente», ha detto, aggiungendo che l’accordo è il più grande accordo di vendita e acquisto del settore del Gnl mai registrato. Il North Field fa parte del più grande giacimento di gas del mondo che il Qatar condivide con l’Iran, che chiama la sua parte South Pars.

All’inizio dell’anno QatarEnergy ha firmato cinque accordi per North Field East, la prima e più grande delle due fasi del piano di espansione di North Field, che comprende sei treni di Gnl che aumenteranno la capacità di liquefazione del Qatar a 126 milioni di tonnellate all’anno entro il 2027 dai 77 milioni odierni.

Successivamente ha firmato i contratti con tre partner per il North Field South, la seconda fase dell’espansione. Quello di lunedì 21 novembre, confermato da Sinopec, è il primo accordo di fornitura annunciato per Nfe; «Questo porta il nostro rapporto a nuovi livelli, poiché abbiamo uno Spa (contratto dei vendita e acquisto, NdA) che durerà fino al 2050», ha dichiarato Kaabi, il quale ha poi rivelato che sono in corso trattative con altri acquirenti in Cina e in Europa che vogliono avere la sicurezza delle forniture.

Il Qatar è già il primo esportatore di Gnl al mondo e il suo progetto di espansione del North Field rafforzerà questa posizione e contribuirà a garantire forniture di gas a lungo termine all’Europa, che cerca alternative ai flussi russi. «Penso che la recente volatilità abbia spinto gli acquirenti a comprendere l’importanza di avere forniture a lungo termine che siano fisse e con prezzi ragionevoli per il lungo periodo», ha dichiarato Kaabi.

Ha detto che il prezzo dell’accordo sarà simile ad altri del passato che erano legati al greggio: «Il modo in cui fissiamo i prezzi dei nostri accordi con l’Asia è legato al greggio. Lo abbiamo fatto in passato e questo è il meccanismo che utilizzeremo in futuro».

L’accordo è stato firmato su base ex-nave, il che significa che QatarEnergy si occuperà della spedizione e della consegna del Gnl. Kaabi ha aggiunto che sono in corso trattative con diverse entità per una partecipazione al progetto di espansione del Paese del Golfo.

Il contratto di fornitura è una componente chiave per una partnership integrata nella Nfe, ha dichiarato Sinopec in un comunicato, indicando che potrebbe essere coinvolta nelle trattative per la partecipazione.

QatarEnergy ha mantenuto una quota complessiva del 75% nell’espansione e potrebbe cedere fino al 5% della sua partecipazione ad alcuni acquirenti, ha dichiarato Kaabi: «Gli acquirenti importanti che vogliono impegnarsi a lungo termine su un volume sostanziale vogliono vedere parte dei benefici dell’attività upstream… quindi penso che sia una vittoria importante e che rende la partnership ancora più solida».

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW