Qatar: stop all’accordo con l’Egitto

57

QATAR – Doha. 21/5/13. Il Ministro del Petrolio e delle Risorse Naturali Sherif Hadarra ha dichiarato che gli accordi avviati per esportare gas dal Qatar all’Egitto è stata rinviata. Il rinvio è stato motivato dalle autorità del Qatar come derivante da una «serie di dettagli legali irrisolti»
L’accordo in nuce sul gas prevede il passaggio di gas attraverso la Holding EGAS dell’Egitto.

 

«Avevamo sperato di attuare il programma di scambio di energia, il 18 maggio, ma siamo stati costretti a rinviare la firma ufficiale del contratto a causa di persistenti questioni legali irrisolte», ha detto il ministro del petrolio qatarino di nuova nomina. Ed ha aggiunto: «Stiamo collaborando con i nostri partner di Qatar Gas che operano presso la Società di Abu Dhabi (ADCO) per cercare di risolvere questi dettagli legali il più velocemente possibile». Il Ministro on ha tuttavia non si è espresso sui tempi che richiederanno le “questioni legali”.
L’obiettivo degli egiziani è avere entro la fine di maggio la prima fornitura di gas dal Qatar. Hadarra ha dichiarato: «Nonostante il numero di incontri e visite tenute finora tra il Ministero del petrolio egiziano e i funzionari del Qatar Gas, abbiamo ancora bisogno di tempo per definire i dettagli tecnici e finanziari del progetto».

Secondo le precedenti dichiarazioni fatte dal ministero del petrolio, l’Egitto cerca di importare 500 milioni di metri cubi di gas naturale al giorno da Qatar Gas dall’impianto di liquefazione ADCO, al fine di meglio rispondere alle esigenze della rete elettrica nazionale dell’Egitto.

L’Egitto è a sua volta un esportatore di gas naturale, ma è stato recentemente colpito da penuria di carburante e da ripetuti blackout a causa dell’incapacità del governo di fornire adeguate quantità di carburante ai centri di distribuzione locali. Questo ha costretto il governo a reindirizzare il gas naturale di produzione nazionale riservato per l’esportazione al mercato interno, oltre a negoziare con altri paesi produttori come la Russia e il Qatar, al fine di contribuire a soddisfare le esigenze del paese.

Le statistiche governative stimano la quantità di domanda di gas naturale raggiungerà già in estate 6,5 miliardi di metri cubi, in un momento in cui il paese stesso prevede di produrre solo 5,7 miliardi metri cubi di gas. Gli esperti sottolineano che a causare questa penuria di gas è dovuta al ritiro di un certuno numero di aziende estere dal mercato egiziano.