QATAR. Che accade quando al Sisi va a Doha?

98

Il presidente egiziano Abdel Fattah el-Sisi ha visitato il Qatar, il suo primo viaggio nello Stato del Golfo dal 2017, quando tre Stati del Golfo insieme all’Egitto hanno tagliato le relazioni diplomatiche con il Qatar.

Al-Sisi ha incontrato l’emiro del Qatar, lo sceicco Tamim bin Hamad Al Thani, durante il suo viaggio di due giorni, che arriva quasi tre mesi dopo che el-Sisi ha avuto colloqui con lo sceicco Tamim al Cairo per promuovere le relazioni tra i due Paesi.

L’Egitto e il Qatar hanno ripristinato le relazioni diplomatiche nel gennaio 2021, dopo la firma di un accordo di riconciliazione ad Al-Ula, in Arabia Saudita. Oltre al viaggio di giugno dello sceicco Tamim al Cairo, quest’anno i due leader si sono incontrati anche a margine di vertici.

Si prevede che i due abbiamo discusso dei legami bilaterali, tra cui la rettifica di una relazione tumultuosa e le opportunità di investimento. Nel 2017 l’Egitto, insieme all’Arabia Saudita, agli Emirati Arabi Uniti e al Bahrein, interruppe i legami diplomatici, commerciali e di viaggio con il Qatar, dopo aver accusato Doha di interferire nei loro affari interni e di sostenere il “terrorismo” nella regione. Doha ha negato queste affermazioni e, a sua volta, ha accusato gli stessi Stati di assediare economicamente e politicamente il Qatar.

Dopo il ripristino dei legami diplomatici lo scorso anno, il Qatar e l’Egitto si sono impegnati in visite reciproche e accordi bilaterali. Ciò ha comportato passi diplomatici che hanno visto la nomina reciproca di ambasciatori e l’operatività di voli diretti tra Egitto e Qatar per la prima volta dal 2017.

Quando Israele ha attaccato Gaza in agosto, sia l’Egitto che il Qatar sono stati attori nel mediare un cessate il fuoco dopo un’offensiva di tre giorni da parte di Israele.

A giugno, secondo la presidenza egiziana, l’emiro del Qatar ha anche «elogiato gli sforzi in corso dell’Egitto per la ricostruzione nella Striscia di Gaza». Doha e Il Cairo, alleati degli Stati Uniti in Medio Oriente, hanno entrambi fornito aiuti alla ricostruzione del territorio della Striscia e sono stati coinvolti negli sforzi di mediazione tra Israele e Hamas.

La guerra russa contro l’Ucraina ha aggravato la crisi alimentare dell’Egitto, in quanto ha avuto ripercussioni sui prezzi dei prodotti alimentari e sulle esportazioni di grano. L’Egitto è stato duramente colpito dalle ripercussioni della guerra: è tra i maggiori importatori di grano al mondo e l’anno scorso circa l’80% delle sue forniture proveniva da Russia e Ucraina.

Secondo i dati della Banca Mondiale, a febbraio l’inflazione in Egitto è salita a circa il 9%, un aumento attribuito all’invasione russa dell’Ucraina a fine febbraio.

Circa 350.000 egiziani lavorano in Qatar e inviano ogni anno centinaia di milioni di dollari in rimesse a casa. Nel tentativo di rilanciare la propria economia, l’Egitto ha siglato accordi di investimento per un valore di 5 miliardi di dollari durante la visita del ministro degli Esteri del Qatar, lo sceicco Mohammed bin Abdulrahman bin Jassim Al Thani, al Cairo a marzo.

Inoltre, QatarEnergy ha annunciato un accordo con la major statunitense ExxonMobil per l’acquisizione di una quota del 40% in un blocco di esplorazione di gas al largo dell’Egitto nel Mediterraneo. I 5 miliardi di dollari che il Qatar investirà nei prossimi anni contribuiranno allo sviluppo economico dell’Egitto, stimolando la creazione di posti di lavoro e incoraggiando gli investimenti privati del Qatar nel Paese.

Antonio Albanese