QATAR. Centinaia di civili mobilitati per la sicurezza dei Mondiali di calcio

124

Ultimi ritocchi per l’evento sportivo dell’anno. Il 20 novembre inizierà la coppa del mondo di calcio che durerà fino al 18 dicembre. I tifosi di calcio che sperano di partecipare alla Coppa del Mondo del Qatar di quest’anno dovranno mostrare la prova di un test COVID-19 negativo all’arrivo a Doha, anche se sono già completamente vaccinati, poiché la nazione ospitante mira a limitare la diffusione del virus.

I fan di età pari o superiore a sei anni devono fornire un risultato negativo da un test PCR effettuato nelle 48 ore prima dell’arrivo, o da un test rapido ufficiale effettuato entro 24 ore.

Intanto gli organizzatori della Coppa del Mondo hanno annunciato giovedì che tutti i visitatori di età pari o superiore a 18 anni dovranno anche scaricare l’applicazione telefonica Ehteraz controllata dal governo, che tiene traccia dei movimenti delle persone e dello stato di salute.

Stando a Reuters, il Qatar ha convocato centinaia di civili dall’inizio di settembre, inclusi diplomatici convocati dall’estero, per il servizio militare obbligatorio che gestisce i controlli di sicurezza negli stadi della Coppa del Mondo. Il Qatar deve affrontare una sfida logistica mai vista prima a causa dell’imminente evento sportivo, la Coppa del Mondo di calcio, uno dei più grandi tornei sportivi del mondo

Secondo i materiali di formazione visti da Reuters, le reclute sono addestrate a gestire le code di sicurezza negli stadi, perquisire i tifosi e rilevare se vi sono azioni di contrabbando oppure prevenire attacchi terroristici cercando per esempio armi nascoste nelle acconciature, fodere delle giacche o persino finte pance.

Il Qatar consentirà di servire alcolici vicino agli stadi fino a poche ore prima dell’inizio delle partite.

Il Qatar ha una popolazione di 2,8 milioni di persone – di cui 380.000 sono qatarioti – e per il torneo è previsto un afflusso senza precedenti di circa 1,2 milioni di visitatori. Il Qatar ha già firmato un accordo con la Turchia per fornire 3.000 poliziotti antisommossa.

Lucia Giannini