POLONIA. Varsavia compra carri Abrams contro i russi

46

Il ministro della Difesa della Polonia ha annunciato che il paese comprerà 250 carri armati M1A2 Abrams SEPv3 dagli Stati Uniti per contrastare le capacità militari russe, confermando quanto già era trapelato in precedenza.

«Stiamo ordinando i carri armati più moderni. Carri armati disponibili nella versione meglio equipaggiata, carri armati che sono provati in combattimento, carri armati che sono stati costruiti per contrastare i più moderni carri armati russi T-14 Armata», ha detto Mariusz Błaszczak durante una cerimonia militare a Wesoła, riporta Defense News.

Wesoła è un distretto della capitale polacca Varsavia ed è sede della 1a Brigata corazzata di Varsavia. La brigata è equipaggiata con i carri armati Leopard 2A4 e Leopard 2A5, che sono attualmente i più moderni veicoli cingolati utilizzati dalle forze terrestri polacche.

Błaszczak ha detto che una volta che i carri armati statunitensi saranno consegnati all’esercito polacco, saranno schierati nella zona orientale del paese: «Questi carri armati saranno nella prima linea di difesa, naturalmente se ci sarà un tale bisogno», ha detto il Ministro.

Le consegne dei nuovi carri armati dovrebbero iniziare nel 2022. Il valore dell’accordo non è stato rivelato.

L’imminente acquisizione permetterà a Varsavia di sostituire i suoi obsoleti carri armati di progettazione sovietica T-72 e PT-91 con una nuova piattaforma di veicoli cingolati. Secondo il piano, il contratto deve includere logistica, addestramento e simulatori per le truppe polacche.

Alle prime voci il ministero della Difesa aveva detto di aver identificato la «necessità di fornire alle unità militari corazzate carri armati moderni che sarebbero conformi ai requisiti del moderno campo di battaglia», e stava lavorando per «definire le possibilità di assicurare queste capacità in base alle soluzioni tecniche disponibili che vengono proposte [alla Polonia] dai potenziali fornitori».

La variante SEPv3 del carro armato Abrams pesa 73,6 tonnellate, può viaggiare a 42 mph. Secondo l’Acquisition Support Center dell’esercito americano, lo sviluppo di una variante SEPv4 è in corso fino al 2023.

Luigi Medici