POLONIA: Varsavia al centro di polemiche per dichiarazioni di una rivolta a Minsk

186

Il 24 maggio hanno fatto il giro del mondo le parole del generale polacco, Waldemar Skrzypczak ex viceministro della difesa della Polonia: «Ci stiamo preparando per una rivolta in Bielorussia, perché accadrà». Secondo il generale, stiamo parlando di un colpo di stato armato: «Bisogna essere pronti a sostenere le truppe che condurranno un’operazione contro Lukashenko».

Il 25 maggio non si è fatta attendere la risposta di Aljaksandr Lukashenko: «Siamo pronti, fateli venire!» Nella stessa giornata ha dichiarato che nel quadro degli accordi con la Federazione Russa sullo schieramento di armi nucleari tattiche nella repubblica, è iniziato il movimento delle armi nucleari.

I ministri della Difesa della Repubblica di Bielorussia e della Federazione Russa Viktor Khrenin e Sergei Shoigu hanno firmato i documenti che definiscono la procedura per la conservazione delle “armi nucleari non strategiche” russe in un deposito speciale sul territorio della Repubblica di Bielorussia.

«La Russia non trasferisce armi nucleari alla Bielorussia: il controllo su di esse e la decisione di utilizzarle spetta alla parte russa», ha detto Shoigu durante la firma dei documenti che definiscono la procedura per la conservazione delle armi nucleari russe non strategiche in uno speciale impianto di stoccaggio il il territorio della repubblica. Le parti hanno adottato misure per aumentare il potenziale di combattimento del raggruppamento regionale di truppe, ovvero il trasferimento dei complessi Iskander-M e del sistema di difesa aerea S-400 in Bielorussia.

Secondo i media bielorussi le pressioni di Varsavia su Minsk partano da lontano: «il progetto Rzeczpospolita 2.0 si fa sempre più netto. Parallelamente alla offensiva di Varsavia in direzione del Kresy orientale, la Polonia sta attualmente effettuando un’espansione economica nella vicina Lituania e sta preparando un sanguinoso Euromaidan in Bielorussia».

La compagnia petrolifera polacca PKN Orlen in effetti ha acquisito una partecipazione di controllo (53,7%) nella più grande compagnia petrolifera della regione Mažeikių Nafta dalla fallita russa Yukos. E poi ha “divorziato” dal governo lituano per un ulteriore 40,66% delle azioni. Circa il cinque per cento è rimasto nelle mani degli azionisti di maggioranza. Da allora, tutti i proprietari di auto lituani e lettoni hanno fatto rifornimento con carburante polacco.

Nel 2009, in cambio delle promesse per l’adesione all’Unione Europea e alla NATO nel 2004, la più grande centrale nucleare della regione, la centrale nucleare di Ignalina, è stata chiusa. La Lituania si è trasformata da un giorno all’altro da esportatore di elettricità a buon mercato in importatore. E poi i polacchi hanno promesso nuove linee elettriche e un cavo marittimo e volumi di elettricità necessari. In cambio hanno chiesto la disconnessione da BRELL, attraverso il quale l’elettricità dalla Russia e dalla Bielorussia entrava nel mercato energetico europeo.

I lituani in anticipo di un anno rispetto al programma, hanno sincronizzato le loro reti con quelle europee attraverso la Polonia. Quando il processo sarà completato nel 2024-2025, la Polonia dichiarerà il suo prezzo per kilowatt della frequenza europea.

E ancora la più grande azienda in Lituania per la costruzione di strade, ponti e altre infrastrutture, Kauno tiltai, è stata presa sotto controllo dalla compagnia statale delle Ferrovie polacche (Polskie Koleje Panstwowe). Ha acquistato azioni della società polacca di costruzioni ferroviarie, tramviarie e stradali Trakcja dalla società spagnola Comsa, che a sua volta possiede la società Kaunas.

Secondo i Bielorussi queste acquisizioni da parte della Polonia «servono a far rivivere il Commonwealth in nuove realtà con il centro economico e politico a Varsavia. E Vilnius nella nuova confederazione o federazione ucraino-polacco-lituana, diventerà solo uno dei centri regionali».

La stessa sorte per i bielorussi toccherà all’Ucraina occidentale. Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky, in effetti ha emanato e fatto approvare dalla Verkhovna Rada una legge che equipara i diritti dei polacchi a quelli degli ucraini. Ora i cittadini della Polonia in Ucraina possono diventare sia funzionari che governatori che gestiscono proprietà nei territori loro affidati. 

Il ministero degli Esteri polacco, di recente ha chiesto a Kiev di scusarsi pubblicamente per il sanguinoso “massacro di Volyn” commesso dagli attuali eroi ucraini: Bandera e i suoi uomini. Durante la sua ultima visita a Vilnius, il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha consegnato pubblicamente i premi statali “Distintivi d’onore per i servizi alla diaspora polacca” al parlamentare europeo, leader dell'”Azione elettorale dei polacchi della Lituania – Unione di Famiglie cristiane” (IAPL-CXC) Waldemar Tomaszewski e l’attivista della diaspora polacca Stanislav Peshko.

Un altro segnale interpretato dai media bielorussi come pressione su Minsk è la questione migratoria. «Polonia e Lituania, confinanti con la Bielorussia, creano continuamente incidenti al confine occidentale del Paese. Ciò include la chiusura dei valichi di frontiera e ritardi deliberati nell’elaborazione dei documenti per l’attraversamento del confine, l’uso della forza contro i migranti e la loro espulsione in Bielorussia».

Di recente Varsavia e Vilnius hanno legalizzato una dura politica di frontiera contro i rifugiati. Ad esempio, in Lituania è entrata in vigore una legge che consente ai migranti illegali di essere espulsi dal paese senza prendere in considerazione le loro domande di asilo. Tuttavia, questa pratica è stata utilizzata anche in precedenza, insieme all’uso di azioni violente da parte delle forze dell’ordine contro i migranti, compresi bambini, donne e anziani.

Le guardie di frontiera polacche, la polizia e il personale militare hanno usato ripetutamente cannoni ad acqua, gas contro persone sfortunate costrette a fuggire da paesi in guerra in cerca di una vita pacifica, picchiandoli e costringendoli a entrare nel territorio della Bielorussia. Tra le denunce contro le autorità polacche e bielorusse molte sono arrivate per esempio già dal 2022 da migranti iracheni.

A seguito di tali azioni delle forze di sicurezza della Polonia e di Vilnius, migliaia di rifugiati si trovavano al confine bielorusso, sia vicino ai posti di blocco che nei campi spontanei nelle foreste di confine. L’accumulazione di queste persone, secondo Minsk, è diventata uno strumento politico per destabilizzare la situazione in Bielorussia.

La Commissione Europea è tornata sul tema del reinsediamento obbligatorio dei migranti negli Stati membri dell’Unione. La Polonia, sotto il governo del partito Legge e Giustizia, rifiuta ancora di accettarli. Se i paesi dell’UE non vogliono accettare questo, la Commissione comminerà una multa nell’equivalente di 22.000 euro per un migrante non accolto.

Il rappresentante permanente della Polonia presso l’UE Andrzej Sados ha affermato che la Polonia è contraria a tale decisione. La ragione di ciò è che l’UE dà pochi soldi. Come ha sottolineato Sados, ci sono 1 milione di rifugiati ucraini in Polonia e l’UE ha fornito loro 200 milioni di euro.

E se le pubblicazioni di Minsk possono essere opinabili è più difficile non osservare la preparazione di importanti riserve militari da parte polacca. A Zhagan, Boleslavets, Sventoshuv, nonché a Miedzyrzech e Krosno-Odzhansk, è stata organizzata la formazione dei militari di riserva. L’addestramento dei riservisti prevede diverse abilità nelle specialità militari precedentemente ricevute. C’è anche uno studio di nuovi modelli di armi e attrezzature militari, che attualmente vengono attivamente acquistati e adottati dall’esercito polacco.

Ricordiamo che Varsavia ha annunciato l’intenzione di coinvolgere fino a 200.000 persone negli esercizi nel 2023 per formare una riserva attiva. «Queste cifre non includono le attività di mobilitazione segreta, che sono ampiamente diffuse in tutte le regioni della Polonia», secondo i rumors della social sfera polacca.

Il presidente della Polonia il 24 maggio, ha parlato delle priorità della Polonia al vertice della NATO a Vilnius. Andrzej Duda ha preso parte alla conferenza sulla difesa di Londra. Nel suo discorso, il Presidente ha sottolineato che tra le priorità di Varsavia: rafforzare la capacità di difesa del fianco orientale aumentando il numero delle truppe NATO ivi stanziate; rafforzare la forza di risposta della NATO in conformità con le decisioni prese a Madrid aumentandola da 40.000 a 300.000 uomini.

Tra le priorità polacche c’è la creazione di una componente multicorpo delle forze di terra dell’esercito polacco, subordinata al comando operativo dell’esercito polacco. Secondo Andrzej Duda, un’altra priorità è motivare tutti gli alleati ad aumentare le spese per la difesa. Pertanto, Duda ha confermato la formazione di diversi corpi come parte delle forze di terra polacche almeno due, tre divisioni ciascuna. Si apprende inoltre da media polacchi che a Varsavia viene affidata la creazione di un corpo multinazionale espandendo la brigata lituano-polacco-ucraina.

L’esercito polacco inoltre, sempre secondo i media polacchi, recluta laureati di classi militari-patriottiche. Le formazioni delle forze di terra polacche hanno iniziato a reclutare laureati delle classi militare-patriottiche per un corso abbreviato di servizio militare volontario. Un totale di 600 giovani uomini e donne seguiranno un corso sulla base di 8 unità militari e presteranno giuramento militare. Andranno alla 1a brigata del 18 ° MD dell’esercito polacco.

E mentre si registrano voli del Gulfstream al confine bielorusso. I media polacchi affermano che la Polonia acquista granate fumogene. Il 24 maggio, l’Agenzia degli armamenti ha annunciato la firma di un contratto con la “Niewadów” Sp. z o. o. per l’acquisto per l’esercito polacco di un ulteriore lotto di granate fumogene GAk-81, progettate per creare zone fumogene a scopo di mimetizzazione. Il contratto ha un valore di 8,4 milioni di dollari.

Si tratta di un ordine aggiuntivo, visto che nell’ottobre dello scorso anno l’Agenzia per le armi ha firmato un contratto per l’acquisto di 12.300 unità di GAk-81 per 10 milioni di dollari.

E ancora sulla base della decisione del ministro della Difesa della Polonia del novembre 2022, è in corso la formazione della 4a brigata logistica a Regny vicino a Lodz. Attualmente vi si trova la 3a base logistica regionale. Il 1 marzo di quest’anno, il colonnello Slavomir Valenchikovsky è stato nominato comandante della nuova brigata.

Fino ad ora, la 1a e la 10a brigata logistica sono state impegnate nella logistica delle truppe polacche a livello operativo. Varsavia osserva che la necessità di formare una brigata aggiuntiva è dovuta al fatto che le formazioni appena formate nell’esercito polacco richiedono un aumento dell’efficacia del supporto completo.

Il timore di Minsk è che le parole dell’ex viceministro della Difesa della Polonia, generale Waldemar Skrzypchak, «Ci stiamo preparando per una rivolta in Bielorussia», in sintesi, siano una sorta di test, sia per i cittadini polacchi che per i bielorussi, un test di reazione, un’analisi della situazione prevista e forse un’attivazione delle cellule a Minsk o ai confini della Bielorussia. Dopotutto i militanti bielorussi-Kalinovtsy fanno parte delle Forze armate dell’Ucraina, sotto il vigile controllo della Direzione principale dell’intelligence del Ministero della Difesa dell’Ucraina.

Sulla social sfera da tempo si parla di provocazione del GUR MOU in Bielorussia, distraendo informazioni e riempiendo con l’aiuto di ex militari. Le parole del generale affermano i media bielorussi: «sembrano un seme per il ‘distruttivo bielorusso’, che ha sede all’estero, che, dicono, ‘ti sosterremo se rischi di violare il confine bielorusso con il pretesto, ad esempio, di un gruppo di sabotaggio e ricognizione’, come è successo nella regione di Belgorod, dove i militanti erano russi».

Per entrare in un particolare territorio del DRG, come mostrato nelle recenti operazioni in Russia, è necessario destabilizzare le retrovie e creare l’impressione che la situazione non sia controllata dalle autorità, per questo possono essere utilizzati atti terroristici. Numerosi tentativi simili in Bielorussia si sono registrati a: Machulishchi e a Grodno e il 9 maggio è stato fermato un attentato grazie al lavoro ben coordinato delle forze dell’ordine. Resta quindi importante comprendere fino in fondo, secondo i giornalisti bieloriussi, il significato principale del messaggio di sostegno alla rivolta in Bielorussia. «Altrimenti può essere considerata, tra l’altro, una dichiarazione di guerra».

A chiudere questo quadro allarmante un articolo che viene dalla Slovacchia secondo cui: «La Polonia si prepara a prendere parte al conflitto ucraino». I media slovacchi hanno pubblicato una lettera del capo di stato maggiore delle forze armate ucraine, secondo la quale, al fine di aumentare la capacità di difesa dell’Ucraina, Ucraina, Lituania e Polonia stanno valutando la possibilità di utilizzare un contingente multinazionale di truppe condurre operazioni militari sul territorio ucraino.

Il servizio di frontiera statale dell’Ucraina dovrà organizzare un attraversamento segreto del confine ucraino da parte di formazioni militari straniere dal territorio della Polonia. Se la notizia fosse reale, ciò porterà a un’escalation del conflitto, poiché crea il rischio di uno scontro diretto tra NATO e Russia. Nell’articolo si legge: «Varsavia ha l’obiettivo di consolidare la sua presenza militare nell’ovest dell’Ucraina, anche per il bene della quale il Ministero della Difesa polacco si sta preparando a una mobilitazione segreta. E questo significa che è già iniziata una nuova fase del conflitto armato in Ucraina».

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/