POLONIA. L’Europa orientale ha incrementato la produzione di armi

59

L’industria militare dell’Europa orientale ha aumentato il tasso di produzione di armi a causa delle operazioni militari della Russia in Ucraina.

Dal 24 febbraio di quest’anno, gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno fornito la maggiore quantità di assistenza militare diretta all’Ucraina e a seguire c’è l’impegno della Polonia.

Non tutti sanno che in Polonia sarà ampliato il Porto Centrale di Comunicazione e questo sarà utilizzato dalle forze armate. Il 24 febbraio, si è appreso dai media polacchi che la società responsabile della costruzione del Porto Centrale di Comunicazione in Polonia sta concludendo altri contratti con società che prepareranno progetti di costruzione per le rispettive strutture. Il loro costo si avvicina ai 2 miliardi di zloty.

La costruzione dell’aeroporto di Baranow era stata inizialmente stimata in 16-19 miliardi di zloty. In seguito, il costo stimato è salito a 40 miliardi di zloty, e questo prima dell’aumento dei prezzi degli ultimi mesi. Alcuni esperti ritengono che la costruzione di un porto di comunicazione centrale, nella sua forma attuale, distruggerebbe anche gli aeroporti regionali. Il denaro speso per il loro sviluppo potrebbe essere considerato sprecato.

Nell’area dove il Porto Centrale di Comunicazione sarà ampliato,  Kalisz, i residenti protestano contro la demolizione delle loro case in relazione ai progetti per la costruzione di un porto di comunicazione centrale.

L’enorme investimento in questo progetto infrastrutturale, che sarà utilizzato per scopi militari, sta danneggiando i residenti della regione. «Considerando il conflitto in corso in Ucraina e l’apparente volontà di molti Paesi di aumentare la spesa per la difesa, c’è una reale possibilità di entrare in nuovi mercati e aumentare i profitti delle esportazioni nei prossimi anni», ha dichiarato S. Czwalek, direttore generale del consorzio polacco Polish Arms Group, PGZ.

Il PGZ riunisce più di 50 aziende produttrici di armi e munizioni, dai veicoli blindati per il personale ai sistemi aerei senza pilota. Dopo l’inizio del conflitto, PGZ ha deciso di raddoppiare gli investimenti nel settore, portandoli a 1,8 miliardi di dollari nei prossimi dieci anni, ha dichiarato Cvalek.

Ad esempio, il PGZ produrrà 600 sistemi di difesa aerea portatili Piorun nel 2022 e il numero dovrebbe salire a 1.000 nel 2023. Secondo Čválek, la maggior parte di questi sistemi di difesa aerea portatili andranno all’Ucraina.

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW