Politica inflattiva per rilanciare l’economia brasiliana

37

BRASILE – San Paolo. Il tasso di cambio della valuta del Brasile è a un livello ragionevole, anche se non del tutto soddisfacente, ha detto il ministro delle Finanze Guido Mantega, dando un indicazione di come il governo sia pronto a indebolire ulteriormente il real per promuovere un’economia ancora debole.

Rivolgendosi imprenditori a San Paolo, Mantega ha detto che un real più debole di 2 punti per dollaro Usa è “un punto fermo”. Il Real questa settimana ha passato il livello di 2,11 per dollaro per la prima volta in oltre tre anni.

Tuttavia la banca centrale è intervenuta rapidamente per evitare che il real fosse deprezzato ulteriormente attraverso uno swap sulla moneta. L’annuncio ha spinto il ritorno reale al di sotto del 2,10 real per dollaro.

Il direttore della Banca centrale, Alexandre Tombini, ha fatto sapere che l’autorità monetaria era pronta a fornire liquidità al mercato per evitare che il real si indebolisse troppo in fretta.

«Un real debole dovrebbe rendere più competitivi i prodotti brasiliani rispetto ai rivali stranieri», aveva detto Tombini in un’audizione al Congresso.

Tombini aveva aggiunto che la banca centrale non ha come obiettivo un valore specifico per il real, e che è pronta ad intervenire nel mercato valutario in caso di necessità.

Un real “ammortizzato” sta già avendo un impatto positivo sull’economia brasiliana, Mantega ha, poi, aggiunto che le importazioni sono in calo e che le esportazioni di beni manufatti cominciano ad aumentare, anche in uno scenario internazionale che è «del tutto sfavorevole» le vette del 7,5% nel 2010. Mantega ha anche detto che l’inflazione in Brasile è sotto controllo, fatto che potrebbe consentire una politica monetaria migliore nella più grande eco