#PIPELINETERRORISM. Nord Stream, la versione russa dei fatti

165

Dopo giorni di accuse, reciproche i media e la social sfera russa hanno dato la loro versione dei fatti sulle esplosioni al Nord Stream: «Ci sono così tante prove contro gli Stati Uniti che è più difficile provare il loro non coinvolgimento nell’attacco terroristico che il coinvolgimento».

La testata Readovka che ha anche il suo canale social ha deciso di mettere insieme tutti i fatti e ha dato la sua versione dei fatti: «Si tratta dell’inizio di una guerra infrastrutturale globale, e non delle normali provocazioni sul fondo del mare».

Secondo la social sfera pro Russia, «la preparazione dell’attentato parte molto prima del 24 febbraio 2022 e gli stessi progetti Nord Stream e Nord Stream 2 sono stati a lungo un ossicino nella gola di Londra e Washington, sia per i loro satelliti più fedeli in Polonia e negli stati baltici. Dichiarazioni ripetute sulla violazione dell’indipendenza energetica dell’Europa, pressioni sulle sanzioni e altri metodi di guerra economica sono diventati compagni costanti di questi progetti».

Joe Biden poche settimane prima dell’inizio delle operazioni russe ha dichiarato alla stampa che: «Se la Russia invade, voglio dire, se i suoi carri armati e le sue truppe attraversano di nuovo il confine con l’Ucraina, allora non ci sarà più il Nord Stream 2». In risposta alla domanda di un giornalista su come ciò sia possibile se il Nord Stream 2 è controllato dalla Germania e non dagli Stati Uniti, Biden ha risposto: «Te lo prometto, possiamo farcela». Una prova video di questa dichiarazione datata 7 febbraio ed è visibile sul sito della testata.

Un altro punto di indagine giornalistica viene dalla geografia, dall’osservazione della mappa dei tubi del Nord Stream, nell’articolo si legge: «La mappa mostra che tutti i rami del Nord Stream passano nelle immediate vicinanze dell’isola di Bornholm, che appartiene alla Danimarca, mentre il tubo attraversa anche le acque territoriali danesi. È interessante notare che il nome di quest’isola è emerso nei media molto prima delle esplosioni sul Nord Stream».

Inoltre secondo la social sfera russa, ogni anno i paesi della NATO conducono esercitazioni BALTOPS nel Mar Baltico, quest’anno le manovre sono state effettuate dal 5 al 17 giugno. Vi hanno partecipato le forze di Stati Uniti, Belgio, Bulgaria, Danimarca, Estonia, Francia, Germania, Lettonia, Lituania, Gran Bretagna, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Turchia, oltre a Svezia e Finlandia, che in quel momento ha iniziato passi attivi per entrare a far parte della NATO. È interessante notare che la portata degli esercizi era senza precedenti e gli Stati Uniti hanno usato le navi da sbarco USS Gunston Hall e USS Kearsarge nella zona. L’isola di Bornholm divenne l’area per lo svolgimento di questi esercizi su larga scala. E, come scriverà in seguito Sea Power, «uno dei compiti principali degli alleati era quello di testare veicoli subacquei senza pilota, per i quali il terreno di quest’isola è più adatto».

Dopo il completamento delle esercitazioni, la USS Kearsarge non lascia il Mar Baltico e si ferma tra le capitali baltiche per tutta l’estate, apparentemente per “mostrare” la bandiera e sostenere gli alleati. Allo stesso tempo, gli osservatori notano una strana tendenza. Il gruppo di elicotteri della nave, composto da elicotteri anti-sottomarino MH-60, inizia a pattugliare sistematicamente l’area dell’isola di Bornholm e la traiettoria del loro volo coincide sorprendentemente con il percorso degli oleodotti. Molti monitorati e registrati anche dall’account Fightradar (in foto)

Tra la fine di agosto e l’inizio di settembre si inizia a osservare una strana attività, con elicotteri che volano al di fuori delle acque territoriali della Danimarca, ma praticamente ai loro confini, e i waypoint coincidono stranamente con i luoghi di futuri incidenti sul gasdotto, anch’essi “del tutto accidentali” si è verificato al di fuori delle acque danesi, ma letteralmente vicino ai loro confini.

È interessante notare che è stato proprio in questo momento che le tesi sulla necessità di smantellare il Nord Stream sono state espresse anche da Duda, che ha affermato direttamente al forum “Crimean Platform”: “Quando la Russia è in guerra contro l’Ucraina, quando attacca, occupa, un cambio di politica in Occidente implica non solo la sospensione del Nord Stream 2, ma anche la liquidazione, lo smantellamento completo del gasdotto”.

“Apparentemente” si legge nell’articolo “a quel punto tutti gli esperimenti con droni subacquei operati dalla USS Kearsarge e dal suo gruppo di elicotteri erano stati completati e c’era già fiducia nei risultati necessari del loro utilizzo. Ma la cosa più interessante è che anche al momento degli “incidenti” sugli oleodotti, il gruppo navale americano ha continuato a trovarsi in zona, non ha spento i suoi transponder e la sua posizione era visibile a chiunque”.

In effetti la USS Kearsarge il 21 settembre 2022 era nelle immediate vicinanze di Bornholm. Inoltre, nessun altro sabotatore sarebbe potuto sfuggire a questo raggruppamento inosservato. La social sfera russa inoltre afferma: “E la ciliegina sulla torta è stato il post su Twitter dell’ex ministro della Difesa polacco, e ora eurodeputato Radek Sikorsky, che ha scritto “Grazie, USA!” e ha pubblicato una foto del luogo dell’incidente sul gasdotto. Per informazione, questo personaggio è stato cittadino britannico fino al 2006, praticamente non ha nascosto i suoi legami con il Mi-6”.

Pertanto, né la Gran Bretagna né gli Stati Uniti stanno cercando di nascondere chi c’è dietro questo attacco terroristico, al contrario, tutto viene fatto nel modo più aperto e provocatorio possibile. Nel frattempo, questa storia segna in realtà l’inizio di un nuovo round del conflitto globale tra Occidente e Russia, in cui una delle parti non evita più attacchi aperti alle infrastrutture dell’altra.

I russi ora lamentano che l’aviazione da ricognizione statunitense ha monitorato attivamente lo spazio lungo i confini di Russia, Ucraina e Bielorussia per il secondo giorno. Il 29 settembre quattro aerei della US Air Force erano in aria contemporaneamente a fotografare i movimenti russi. Di nuovo intorno alla regione di Kaliningrad l’aereo da ricognizione elettronica RC-135W Rivet Joint sta volando, nella stessa area c’è un velivolo E-8C J-STARS per il controllo del combattimento e la designazione del bersaglio. Kaliningrad che appare il 1 ottobre nei post dei politici polacchi come città da dividere tra Polonia e repubblica Ceca.

Nello spazio aereo rumeno, la sorveglianza è effettuata dall’aereo di allerta precoce E-3 Sentry e il Mar Nero vicino alla Crimea è pattugliato dall’aereo da ricognizione strategico senza pilota RQ-4B Global Hawk. Questa è la massima attività simultanea degli ufficiali dell’intelligence statunitense dal 24 febbraio. Quindi conclude per sommi capi la social sfera filo russa, gli unici che potevano minare i tubi nel mar Baltico erano gli Alleati.

Anna Lotti

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here