PETROLIO. Sinopec riduce le offerte per il greggio russo

101

La cinese Sinopec Corp ha ridotto le offerte per il greggio russo Espo nel mese di luglio, poiché clienti di altri Paesi come l’India offrivano prezzi più alti. Sinopec, il più grande raffinatore asiatico, ha fatto scorte di greggio russo negli ultimi mesi, anche se forse ha solo sfruttato i prezzi bassi in un periodo in cui l’Expo russo non aveva acquirenti occidentali.

Le compagnie petrolifere cinesi e indiane hanno aumentato le importazioni di petrolio russo a maggio e giugno, nonostante le sanzioni occidentali contro la Russia a seguito del conflitto in Ucraina che hanno messo in crisi il commercio petrolifero globale.

Sinopec, attraverso il suo braccio commerciale Unipec, dovrebbe sollevare meno carichi a luglio dopo aver presentato offerte più basse agli esportatori russi che hanno poi venduto il petrolio a società commerciali e altri clienti cinesi che hanno fatto offerte più alte, riporta AF.

Sinopec è stato il più grande acquirente di Espo, che carica dal porto di Kozmino nell’Estremo Oriente russo, negli ultimi due mesi, accaparrandosi circa 20 milioni di barili, secondo i dati di Vortexa Analytics. Sinopec ha fatto offerte con sconti di circa 20 dollari al barile rispetto al prezzo di riferimento mediorientale di Dubai su base free-on-board per le spedizioni di luglio, simili a quelli pagati per i carichi di maggio e giugno, mentre gli accordi sono stati conclusi con sconti da 8 a 13 dollari.

Le compagnie che hanno battuto Sinopec per i carichi Espo a luglio includono il commerciante Coral Energy, con sede a Dubai, le aziende statali Cnooc, PetroChina e Shandong Port International Trade, sostenuta dal governo provinciale locale, secondo i dati di Vortexa. La Russia dovrebbe aumentare le sue esportazioni Espo da Kozmino fino a 880.000 barili al giorno nel mese di luglio, da una media di 750.000 bpd nel 2022.

L’operatore svizzero Paramount Energy, specializzato nella commercializzazione della produzione di piccoli produttori russi indipendenti, dovrebbe sollevare circa 7 milioni di barili di Espo nel mese di luglio, divenendo uno dei maggiori acquirenti. Commercializzatrice regolare di greggio Espo per i raffinatori indipendenti cinesi dal 2016, negli ultimi mesi Paramount ha ampliato la sua commercializzazione in Cina collaborando con il commerciante statale cinese Zhenhua Oil.

Paramount Energy ha dichiarato di aver consegnato carichi russi a clienti in base a contratti commerciali a lungo termine stabiliti prima dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia e sta lavorando per ridurre il suo commercio di greggio russo alla scadenza di questi contratti a lungo termine.

Anche il principale esportatore russo Rosneft probabilmente invierà più carichi di Espo all’India, in base al suo recente accordo di fornitura con la compagnia petrolifera statale Indian Oil Corp.Prima della guerra, le raffinerie indipendenti cinesi acquistavano quasi tutti i carichi di Espo disponibili e il greggio arrivava raramente in India perché il viaggio più lungo riduceva la redditività dell’acquisto.

Anna Lotti