PETROLIO. Quanto è cara la benzina nel mondo

114

In tutto il mondo, gli automobilisti stanno affrontando l’aumento vertiginoso dei prezzi della benzina e del gasolio, alimentato dalla guerra della Russia in Ucraina e dalla ripresa globale della pandemia. I prezzi dell’energia sono un fattore chiave dell’inflazione. I prezzi dell’energia sono un fattore chiave dell’inflazione che sta aumentando in tutto il mondo, rendendo il costo della vita più caro.

Le decisioni nell’economia mondiale sono tanto diverse quanto i consumatori e i Paesi stessi: Camminare di più. Rispolverare la bicicletta. Prendere la metropolitana, il treno o l’autobus. Usare un tocco più leggero sul pedale dell’acceleratore per risparmiare carburante. Rivedere i viaggi in auto o forse addirittura non usare l’auto. Per i milioni di persone che non hanno accesso a un trasporto pubblico adeguato o che comunque non possono rinunciare all’auto, la soluzione è stringere i denti e pagare tagliando i costi altrove.

Molti conducenti di mototaxi Grab ad Hanoi, in Vietnam, hanno dichiarato di aver semplicemente spento l’app nelle ore di punta, perché nelle ore di punta spesso il costo della corsa non copre il costo della benzina per il viaggio, in caso di ingorghi, riporta Ap.

I prezzi della benzina e del gasolio sono una complessa equazione tra il costo del greggio, le tasse, il potere d’acquisto e la ricchezza dei singoli Paesi, i sussidi governativi, laddove esistono, e il taglio preso dagli intermediari come le raffinerie. Il prezzo del petrolio è espresso in dollari, quindi se un Paese è importatore di energia, il tasso di cambio gioca un ruolo importante; l’euro, recentemente più debole, ha contribuito a far salire i prezzi della benzina in Europa.

E poi ci sono spesso fattori geopolitici, come la guerra in Ucraina e le sanzioni occidentali.

Esiste un prezzo globale del petrolio, circa 110 dollari al barile, ma non un prezzo globale alla pompa a causa delle tasse e di altri fattori. A Hong Kong e in Norvegia si possono pagare più di 10 dollari per poco più di 3 litri. In Germania si può arrivare a circa 7,50 dollari e in Francia a circa 8. Anche se le tasse sul carburante più basse fanno sì che la media degli Stati Uniti sia un po’ più conveniente, 5 dollari, è comunque la prima volta che il prezzo è così alto.

Le popolazioni dei Paesi più poveri risentono rapidamente dello stress derivante dall’aumento dei prezzi dell’energia, ma anche gli europei e gli americani sono sottoposti a una forte pressione. Gli americani hanno meno accesso ai trasporti pubblici e anche le reti di trasporto europee non raggiungono tutti, in particolare quelli delle campagne.

I prezzi alla pompa possono essere dinamite politica. Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha spinto l’Arabia Saudita a pompare più petrolio per contribuire a far scendere i prezzi della benzina, decidendo di recarsi nel regno il mese prossimo dopo che l’OPEC+ guidata dai sauditi ha deciso di aumentare la produzione. Gli Stati Uniti e altri Paesi hanno anche liberato petrolio dalle loro riserve strategiche, il che aiuta ma non è decisivo.

Diversi Paesi hanno fissato dei limiti al prezzo del carburante, tra cui l’Ungheria, dove lo sconto non si applica alle targhe straniere. In Germania, il governo ha ridotto le tasse di 35 centesimi di euro al litro sulla benzina e di 17 centesimi sul diesel, ma i prezzi hanno presto ricominciato a salire. La Germania ha anche introdotto un biglietto mensile scontato di 9 euro per il trasporto pubblico, che ha portato all’affollamento delle stazioni e dei treni in un recente fine settimana di vacanza. Ma il programma dura solo tre mesi ed è poco utile per le persone in campagna se non c’è una stazione ferroviaria nelle vicinanze.

Secondo l’associazione tedesca dei distributori di benzina, infatti, la gente fa il pieno come prima della pandemia.

C’è qualche sollievo in vista? Molto dipende dall’impatto della guerra in Ucraina sui mercati petroliferi globali. Secondo gli analisti, è quasi certo che una parte del petrolio russo andrà persa sui mercati perché l’Unione Europea, il più grande e vicino cliente della Russia, vuole porre fine alla maggior parte degli acquisti da Mosca entro sei mesi.

Nel frattempo, India e Cina stanno acquistando più petrolio russo. L’Europa dovrà rifornirsi da qualche altra parte, ad esempio dagli esportatori del Medio Oriente. Ma l’OPEC+, che comprende la Russia, non ha raggiunto gli obiettivi di produzione.

Luigi Medici