Petrolio a rischio sul Niger

47

NIGERIA – Delta del Niger. 27/05/16. Nuovo attacco contro un sito petrolifero Chevron, gigante USA, nel Delta del Niger.

Ritratterebbe di un gruppo di ribelli locali. La notizia è trapelata ieri e il gruppo Chevron non ha voluto commentare. Dirk Steffen, esperto di società di consulenza Intelligenza rischio con sede in Danimarca, che ha lasciato una intervista a June Afrique, conferma  che il gruppo “Vendicatori del Delta del Niger (NDA)” ha attaccato Mercoledì 25 maggio insito e ha rivendicato l’azione tramite un comunicato pubblicato su Twitter. Il gruppo ribelle ha detto di aver fatto saltare in aria il condotto elettrico terminal petrolifero Escravos, il principale.

NDA ha effettuato una serie di azioni di sabotaggio nelle ultime settimane contro gli impianti della Chevron, ma anche contro il gruppo anglo-olandese Shell ed ENI Italiano, tutti operatori del Delta del Niger, costringendoli a fermare l’estrazione di petrolio in alcuni siti. Questi attacchi hanno portato a modificare i prezzi mondiali del petrolio.