El Sharara riapre tra pochi giorni

47

LIBIA – Tripoli. 10/11/14. Secondo le autorità libiche entro pochi giorni riprenderà la produzione di greggio da El Sharara e ancora da altri campi. «Purtroppo fa sapere Hassan Siddiq, direttore di uno dei campi, in Libia sono frequenti i furti, operazioni di atti di vandalismo, in modo ordinato, che portano alla interruzione della produzione per la maggior parte dell’anno. Ma El Sharara riprenderà la produzione entro pochi giorni».

Hassan Siddiq ha detto che il campo che si trova a circa 700 chilometri soffre il fatto di non fornire protezione di sicurezza, come molti degli altri campi. Sempre il funzionario ha riferito che il gruppo armato ha “rapinato un meccanismo di composti”, ma gli accorgimenti tecnici e le attrezzature rubate non pregiudicano la ripresa del funzionamento. «I lavoratori hanno lasciato il campo a causa della mancanza di guardie di sicurezza, ma stanno cominciando a ritornare al lavoro da ieri mattina». Egli ha sottolineato che il campo El Sharara ha raggiunto la produzione di 290 mila barili fino a martedì scorso. Per la ripresa delle estrazioni, per mettere in moto il meccanismo, ci vogliono circa un paio di giorni, e ha previsto un pompaggio fino a circa 300 mila barili al giorno.
Le azioni di El Sharara sono distribuite tra la National Oil Corporation della Libia, e la società spagnola Repsol, e la società francese Total e la società “o la madre in” austriaca. L’industria del petrolio in Libia, è la principale fonte di valuta estera, sta subendo molti problemi, e la produzione totale di petrolio della Libia quasi 1,4 milioni di barili di petrolio al giorno, fino a metà del 2013, è scesa a 200 mila barili a marzo scorso. Attualmente il settore petrolio costituisce il 95% delle entrate generali di bilancio. Un membro del Consiglio di Amministrazione del Parlamento libico, Abdul Salam, per “nuovi arabi” in una dichiarazione di previsione di ricavi per l’anno in corsoia stimato gli incassi a 18 miliardi di dinari libici (23,4 miliardi dollari), a seguito della chiusura dei porti di esportazione di petrolio durante tutto l’anno. Secondo i dati ufficiali rilasciati a metà ottobre, i proventi del petrolio dalla Libia hanno raggiunto i 9500 milioni dollari, mentre la spesa ha raggiunto 23,2 miliardi dollari. Il membro della Camera dei Rappresentanti, ha detto che il Consiglio ha modificato la legge generale di bilancio, per ridurre di bilancio a 52,1 miliardi di dinari (40 miliardi di dollari), al posto di 56 miliardi di dinari libici (43 miliardi dollari), adottata dal Congresso generale nazionale durante lo scorso giugno.
Il Congresso libico generale nazionale (parlamento ad interim) ha approvato il bilancio generale libico, 2014, per un valore di 56 miliardi di dinari libici, e un deficit di 16 miliardi di dinari (13,2 miliardi dollari).