La Raffineria di Shymkent aumenta la produzione

67

KAZAKHSTAN-Astana. 13/10/14. Astana implementerà la produzione di prodotto raffinatoper soddisfare le esigenze del mercato interno. Vi sarà «un graduale aumento della capacità di trasformazione della raffineria di petrolio Shymkent aiuterà a soddisfare interamente le esigenze crescenti del mercato nazionale kazako fino al 2035», ha riferito il Ministero del Kazakistan dell’Energia all’agenzia di stampa Trend. 

 

«Inoltre, un aumento della capacità di soli 3 milioni di tonnellate, tra il 2022-2024 consentirà al Kazakistan di poter fornire e soddisfare la richiesta di prodotti petroliferi leggeri fino al 2035».  

Kazakistan sta aggiornando tutte le raffinerie di petrolio esistenti, e questo processo si concluderà nel 2016.

Di conseguenza, a partire dal 2017 ed entro il 2022, il Kazakistan sarà in grado di produrre prodotti petroliferi leggeri, corrispondente a Euro 4 ed Euro 5. Allo stesso tempo, secondo le previsioni, il consumo di gasolio e benzina salirà in Kazakhstan a partire dal 2021 e il 2025. «In questo caso, aumentando la capacità di raffinazione è l’opzione possibile per fornire pienamente del mercato interno con prodotti petroliferi nazionali», ha detto il servizio stampa del ministero dell’energia. «Partiremo dal’aumentare la capacità della raffineria di Shymkent». L’espansione della raffineria di Shymkent offre diversi vantaggi rispetto alla costruzione di una nuova raffineria di petrolio, ha detto il servizio stampa. 

«In primo luogo, la raffineria di petrolio Shymkent si trova nella regione densamente popolata del Kazakistan; in secondo luogo, è vicino all’Asia centrale come l’unico mercato potenziale per l’esportazione di prodotti petroliferi eccedenze; in terzo luogo, ha una infrastruttura sviluppata per garantire forniture di petrolio», ha detto il servizio stampa del ministero. Il servizio stampa ha anche aggiunto che la proposta è stata sostenuta dal capo del paese.