L’Oman guadagna dalla crisi irachena

76

OMAN – Mascate. 01/07/14. Il conflitto iracheno ha fatto salire le quotazioni del petrolio dell’Oman. Che il mese scorso ha raggiunto livelli inaspettati, non raggiunti dallo scorso settembre sulle rinnovate tensioni in Iraq e la minaccia potenziale per la produzione di petrolio. Fonte thenational.ae. 

Il petrolio consegnato dall’Oman costa 2,98 dollari in più rispetto alla chiusura maggio a 106,46 dollari. La media mensile del DME, che viene utilizzato da Oman e Dubai per impostare il prezzo ufficiale di vendita, è di 108,08 dollari al barile, a maggio le quotazioni erano di 105,65 dollari al barile.

Il rialzo più importante dall’agosto dello scorso anno. L’Oman ha alzato a un massimo di 111,18 dollari al barile il 23 giugno visto l’aprirsi del conflitto in Iraq, ma visto che le esportazioni di petrolio continuano il prezzo è sceso a 110 dollari al barile. L’agitazione continua e il petrolio continua a subire variazioni elevate nelle quotazioni di borsa. Société Générale ha avvertito che il prezzo del petrolio potrebbe arrivare a un picco di 150 dollari al barile, anche se per brevi periodi. Bisognerà vedere come evolve il conflitto in Iraq se colpisce operazioni nei principali settori meridionali del paese dove si estraggono fino a 2,6 milioni di barili al giorno (bpd) di esportazioni di petrolio iracheno. Se vi fossero improvvisi stop alla vendita del petrolio da parte di Baghdad ci sarà un rilascio di riserve strategiche di petrolio da parte degli Stati membri dell’Agenzia internazionale per l’energia e altri produttori, come l’Arabia Saudita. Le prime indicazioni suggeriscono che ci sono state alcune interruzioni esportazioni irachene e un sondaggio di Bloomberg ha osservato che la produzione irachena era caduta di 400.000 barili al di sotto di 3 milioni di barili al giorno entro la fine di giugno, il livello più basso da settembre.  L’altro principale fattore che ha fatto incrementare il prezzo del petrolio nel corso del secondo trimestre è stata la crisi politica in Ucraina, anche se di fatto non vi è stata alcuna seria minaccia per le forniture di petrolio e gas russi. I prezzi dei prodotti raffinati sono in genere riusciti a tenere il passo con il petrolio greggio, i margini di raffinazione sono più deboli e sono in grado di ridurre l’appetito tra gli acquirenti hanno osservato gli analisti.  Secondo i dati Reuters, il greggio da Abu Dhabi, Oman, Qatar e Bahrain è stato venduto a differenziali inferiori rispetto al mese precedente, riflettendo la domanda fiacca generale dall’Asia. Tuttavia, i timori di un’interruzione dell’approvvigionamento dall’Iraq è stato sufficiente per gli esportatori del Medio Oriente, per trovare acquirenti per la maggior parte delle esportazioni agosto entro la fine di giugno.  Alcuni osservatori del mercato hanno detto che i raffinatori possono evitare di acquistare greggio iracheno, mentre l’attuale crisi continua, che a sua volta aumenterà la domanda per i rivali nel Golfo Arabico.