Museo olografico per Vargas Llosa

53

PERU’ – Lima 22/09/2014. Mario Vargas Llosa, vincitore del Premio Nobel per la letteratura, ha ora, nella città natale di Arequipa, una “casa museo”, in cui si raccontano i momenti più significativi della sua vita attraverso una serie di ologrammi a grandezza naturale dell’autore.

Le tecniche audiovisive più innovative raccontano la storia della vita dello scrittore peruviano in un tour di 16 gallerie nella casa nel centro di Arequipa, dove nacque, e in cui ora vengono ricreati i tempi e i luoghi che più lo hanno influenzato e ispirato. «Benvenuti in questo museo virtuale. Sono nato in questa casa e qui ho passato il primo anno della mia vita con mia madre e la famiglia materna. E qui ora vedrete una sintesi animata di tutta la mia carriera di scrittore» dice Vargas Llosa in un ologramma che accoglie i visitatori accanto alla scrivania del nonno Pedro. «È un’idea unica al mondo e totalmente innovativa, che offre al pubblico una esperienza più emotiva, più esistenziale», ha detto il presidente di Iguana Producciones e cognato dell’autore, Luis Llosa, che ha installato la tecnologia olografica nel museo. Nel corso di un tour coinvolgente, il visitatore esamina la vita di Vargas Llosa dalla sua infanzia a Cochabamba, in Bolivia, alla sua scrivania nel quartiere bohemienne di Barranco a Lima, alla sua soffitta a Parigi accanto ai suoi soggiorni a Barcellona e Londra; tutto inizia nella stanza in cui è nato e sul cui letto si vede l’ologramma della madre durante il parto. 

Allo stato attuale, la casa museo accoglie i visitatori di lingua ispanica, ma saranno presto disponibili anche visite guidate in inglese e francese.