Lima crea la Divisione antiriciclaggio

55

PERU’ – Lima, 09/07/2014. La polizia nazionale peruviana intende rafforzare la lotta contro la criminalità, inaugurando la Divisione nazionale antiriciclaggio di cui faranno parte 565 uomini e tesa a rafforzare la lotta alla criminalità organizzata.

Lo ha annunciato il 9 luglio il ministro degli Interni peruviano Daniel Urresti Elera. Urresti ha spiegato che questa nuova struttura che trasformerà «la polizia accusata di fare questo lavoro», è uno sforzo che il governo intende fare: «Stiamo mettendo dei professionisti a perseguire questo tipo di reato, sia nella fase di prevenzione che in quella di risposta » ha detto il ministro. Circa 565 poliziotti, 165 ufficiali e 400 sottufficiali, saranno assegnati alla nuova direzione che sarà «una delle sezioni più importanti della nostra lotta alla criminalità», ha detto Urresti. Circa i risultati delle operazioni in corso svolte in tutto il paese, Urresti ha detto che se nessuna città è senza crimine, quello che il governo intende fare è ridurre il tasso di criminalità entro numeri gestibili. «Noi non intendiamo finire il lavoro perseguendo solo assassini, spacciatori ed estorsori, questo è chiaro. Ora affrontiamo la criminalità di strada e il traffico di beni rubati. I crimini più grandi saranno perseguiti in un secondo tempo e attualmente stiamo rafforzando il “contrasto di base”», ha sottolineato il ministro. Urresti ha poi fatto riferimento all’annoso problema del traffico di Lima sulle cui strade la congestione aumenta; il ministro ha detto che la presenza della polizia è riuscita ad alleggerire il problema fino al 50 per cento in diverse parti della capitale: «È uno sforzo coordinato tra le autorità della città di Lima e il ministero dei Trasporti»; per quel che riguarda le elezioni e il problema del traffico, Urresti ha detto di aver anche valutato la possibilità di tenere aperti i seggi fino a tarda notte. dicendo di non averli voluti durante l’ora di punta (tra le 7 e le 9 del mattino) per evitare di complicare ulteriormente il traffico nella capitale.