PERÙ. L’Onu denuncia la repressione contro i fedelissimi di Castillo

123

La scorsa settimana la Commissione interamericana per i diritti umani, Iachr, ha presentato un rapporto in cui menziona le esecuzioni extragiudiziali in Perù e utilizza la parola “massacro” in riferimento alla repressione della polizia contro i manifestanti a seguito dell’impeachment dell’allora presidente Pedro Castillo Terrones il 7 dicembre 2022.

L’agenzia chiede che i responsabili siano puniti e suggerisce che le indagini dovrebbero avere “un focus etnico-razziale” poiché la maggior parte delle vittime erano indigeni e contadini delle zone andine. «La risposta dello Stato alle proteste è stata caratterizzata dall’uso sproporzionato, indiscriminato e letale della forza», osserva il rapporto, riporta MercoPress.

La Iachr denuncia gli spari da parte delle forze di sicurezza contro manifestanti e contro persone che non partecipavano alle manifestazioni, anche contro membri della brigata sanitaria che si occupavano dei feriti, che “potrebbero costituire esecuzioni extragiudiziali”.

Questo rapporto precisa inoltre che le proteste e la repressione sono avvenute “in un contesto di marcata discriminazione storica basata sull’origine etno-razziale e sulla situazione socio-economica”, fondamentalmente contro la popolazione indigena, e in un quadro di “forte tensione” tra Lima e altre regioni, in particolare quelle della regione andina meridionale.

Il documento denuncia una campagna di stigmatizzazione accusando di essere “terroristi” e “violenti” coloro che si sono mobilitati contro il governo. Stigmatizzazione estesa a chi denuncia violazioni dei diritti umani.

Da quando sono scoppiate le proteste dopo il licenziamento e l’incarcerazione di Castillo, 49 persone sono state uccise dalle sparatorie della polizia e dell’esercito. Il numero totale dei morti nelle proteste è di 67. Si contano più di mille feriti e numerosi arresti arbitrari.

Il rapporto Iachr si concentra sull’uccisione di 10 persone il 15 dicembre ad Ayacucho e il 9 gennaio di 18 manifestanti a Juliaca. La Cidh ammette che ci sono stati atti di violenza da parte di alcuni manifestanti che hanno cercato di impadronirsi degli aeroporti di entrambe le località, ma denuncia che sono stati sparati colpi di arma da fuoco contro residenti disarmati lontani dagli aeroporti, quindi si è trattato di un’azione “di natura persecutoria”.

Il rapporto suggerisce anche che i colpi sono stati sparati per uccidere, prendendo di mira “organi vitali”. Le vittime sono state colpite alla testa, al torace, all’addome o alla schiena, come confermato dalle autopsie. «Questi atti, quando perpetrati da agenti dello Stato, potrebbero costituire esecuzioni extragiudiziali», denuncia la Cidh. La Iachr aggiunge che queste “molteplici privazioni del diritto alla vita” potrebbero qualificarsi “come un massacro”.

Si passano in rassegna le testimonianze dei parenti delle vittime che sono state ferite dalla repressione, denunciando di essere discriminati nei centri sanitari per aver partecipato alle proteste e per essere indigeni.

«La Commissione condanna fermamente l’uso indiscriminato della forza attraverso armi da fuoco contro la popolazione disarmata da parte di agenti dello Stato peruviano», si legge nel rapporto della Iachr. Tra le sue raccomandazioni, richiede risarcimenti completi per le vittime e le loro famiglie, compreso l’accesso alla giustizia e il diritto alla verità, attenzione alla loro salute fisica e mentale e risarcimenti monetari. L’organizzazione chiede un’indagine “rapida, seria, efficace, indipendente” da parte di pubblici ministeri specializzati per i diritti umani, processi con giudici indipendenti e punizione per i colpevoli.

La presidente Dina Boluarte ha risposto che il suo governo rispetta i diritti umani e promuove il dialogo e la pace sociale e ha insistito nel negare ogni responsabilità per le morti dovute alla repressione e ha nuovamente attribuito le morti ai manifestanti.

«Respingiamo la presunta esistenza di esecuzioni extragiudiziali e la qualificazione di “massacro”», ha detto.

Nel frattempo, Amnesty International ha chiesto al Canada di interrompere l’esportazione di armi da fuoco in Perù alla luce della “violenta repressione” delle proteste da parte delle autorità peruviane. Un rapporto dell’organizzazione ha concluso che le forze armate e la polizia peruviane hanno usato «forza letale illegittima e talvolta indiscriminata e mezzi meno letali contro i manifestanti, in particolare contro gli indigeni, i contadini e gli agricoltori».

Maddalena Ingroia

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/