CRBP taglia il costo del danaro

57

PERU’- Lima. 12/04/14. La Central Reserve Bank del Perù (BCRP) giovedì ha tagliato il tasso di riferimento della politica monetaria di 25 punti base, fissando così il costo del danaro al 3,75 per cento. Fonte banca centrale riportata da Andina News.

L’ultima volta che la banca centrale ha tagliato il tasso di riferimento è stato nel novembre dello scorso anno. Secondo la banca centrale il nuovo tasso è compatibile con le previsioni di inflazione nel suo target di riferimento nella forbice dall’1,0% al 3,0% quest’anno e al 2,0% nel 2015. La BCRP ha detto che la decisione di tagliare il tasso del costo del danaro tiene conto del fatto che le aspettative di inflazione restano ancorate all’interno del target di inflazione; che la crescita economica in Perù è inferiore a quella potenziale, almeno temporaneamente; che gli indicatori mostrano segni misti di ripresa dell’economia globale, e che i fattori di offerta che hanno incrementato l’inflazione in Perù hanno moderato. «Questa decisione non implica l’inizio di una serie di riduzioni». Il tasso di inflazione su 12 mesi in Perù nel mese di giugno è stato del 3,56%. «L’inflazione dovrebbe rimanere inizialmente vicino al limite superiore della fascia obiettivo per effetto persistente di shock di offerta e successivamente tendenza verso il 2,0%», si legge nel comunicato della banca. Inoltre, la banca peruviana ha osservato che la crescita del prodotto interno lordo del paese continua a registrare tassi al di sotto del suo potenziale soprattutto a causa della minore dinamicità degli investimenti e delle esportazioni. Nel mese di aprile, il prodotto interno lordo del paese andino cresciuto del 2% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Lo scorso anno l’economia è cresciuta del 5 per cento, uno dei passi più veloci della regione, ma ha registrato una crescita più debole del 2012 che era al 6,3%. La banca centrale mira a una crescita del 5 per cento quest’anno.