PERÙ. Continua la sollevazione popolare: 54 morti

110

Il numero di persone uccise dopo l’insediamento della Presidente Dina Boluarte all’inizio del mese scorso, in seguito all’impeachment di Pedro Castillo Terrones, che aveva cercato di sciogliere il Congresso e aveva governato per decreto, è arrivato a 54 il 19 gennaio, quando i manifestanti hanno inscenato la “Presa di Lima” nella capitale peruviana e sono stati segnalati scontri con le forze dell’ordine in altre parti del Paese sudamericano.

Migliaia di manifestanti hanno chiesto le dimissioni di Boluarte a Lima, nonostante la presenza di 11.800 uomini della polizia. La loro marcia ha innescato altre azioni a livello nazionale per chiedere nuove elezioni e un’assemblea costituente, riporta MercoPress.

I preparativi per il golpe di Lima sono andati avanti per tutta la settimana. La marcia, indetta dai sindacati e da altri gruppi che si oppongono alla Boluarte, è iniziata pacificamente prima delle 16.00 ora locale, ma presto sono scoppiati scontri tra i manifestanti che scandivano “Dina assassina” e altri slogan simili e la polizia.

La polizia nazionale peruviana ha usato gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti che gli lanciavano contro pietre e bastoni.

«Le marce continueranno» fino alle dimissioni di Boluuarte, ha dichiarato il segretario generale della Confederazione Generale dei Lavoratori del Perù Gerónimo López, nonostante il governo abbia decretato un’emergenza di 30 giorni a Lima, Cusco, Callao e Puno, sospendendo così l’esercizio dei diritti costituzionali. «Non c’è nessuna autorizzazione da parte della polizia, l’autorizzazione non viene mai richiesta per una manifestazione sociale, non è un obbligo», ha insistito López.

Le proteste sono scoppiate dopo il 7 dicembre, quando Castillo è stato rovesciato e messo in detenzione preventiva. Castillo gode di un forte sostegno a livello nazionale, ma è ampiamente contrastato a Lima, dove le attività commerciali lungo il percorso dei manifestanti sono rimaste chiuse per tutto il giorno. Giovedì sera è scoppiato un incendio in un vecchio edificio di quattro piani vicino a Piazza San Martin, dove si erano radunati centinaia di manifestanti.

Un uomo è morto in un ospedale della città di Macusani, nella regione meridionale di Puno, dove era ricoverato per le ferite riportate negli scontri di mercoledì. La vittima, identificata come Salomón Valenzuela, aveva 30 anni. Anche una donna di 35 anni è morta all’ospedale San Martin de Porres di Macusani mercoledì, dopo essere stata colpita dai manifestanti che hanno bruciato una stazione di polizia e un tribunale.

I servizi ferroviari tra Cusco e la cittadella Inca di Machu Picchu sono stati sospesi per precauzione, così come le operazioni negli aeroporti di Cusco e Arequipa, dove circa 200 manifestanti hanno bloccato l’aerostazione per un breve periodo prima di essere sgomberati con la forza, dopo violenti scontri. Secondo i media locali, parti dell’illuminazione di atterraggio della pista sono state bruciate. A sostegno di questo gruppo, circa 1.500 altri manifestanti sono stati schierati intorno all’aeroporto, mentre migliaia di altri manifestanti hanno partecipato a una manifestazione nel centro di Arequipa.

La Presidente Boluarte ha insistito il 19 gennaio che il suo Governo è “fermo” nonostante le proteste. «Voglio smentire le notizie false (…) Il governo è saldo e il suo gabinetto è più unito che mai», ha dichiarato la Boluarte ai giornalisti nel Palazzo del Governo di Lima, insistendo sulla sua volontà di dialogare con le forze sociali del Paese che chiedono le sue dimissioni, ma ha avvertito i manifestanti che sapevano che le loro azioni erano «al di fuori della legge» e li ha accusati di voler «infrangere lo stato di diritto, generare caos e disordine» per prendere il potere. Il capo di Stato ha insistito sul fatto che la sua amministrazione agirà «con tutto il peso della legge» e ha elogiato l’operato “immacolato” della polizia durante gli eventi di giovedì.

Finora, 44 manifestanti e un poliziotto sono morti durante le proteste, mentre altre persone, tra cui un bambino non ancora nato e quattro cittadini haitiani, sono morte in blocchi stradali senza che le forze dell’ordine fossero coinvolte.

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/