Yuan moneta sempre più internazionale

33

CINA – Pechino. 09/07/14. Accordo economico tra Berlino e Pechino. Yuan moneta di investimento per un valore di 80 miliardi di Renminbi.

La Cina permetterà ai tedeschi di investire fino a 80 miliardi di yuan (100 miliardi di HK $) in cambio azionario cinese, una mossa che contribuiranno a rafforzare il mercato fragile e l’ulteriore internazionalizzazione dello yuan. In una conferenza stampa congiunta a seguito dei colloqui con la visita il cancelliere tedesco Angela Merkel con il premier Li Keqiang, che ha detto che l’economia cinese era migliorata nel secondo trimestre e il paese può mantenere la sua crescita economica entro un margine ragionevole. Il governo ha fissato il 7,5 per cento come obiettivo la crescita del PIL per il 2014. Li mette in guardia contro i rischi di un rallentamento, dicendo che il paese non dovrebbe essere compiacente. «La Cina continuerà a stimolare il vigore del mercato» ha detto il premier della Grande Muraglia.
Li e Merkel ieri hanno assistito alla firma di sei documenti sulla cooperazione economica. Sarà consentito agli investitori tedeschi di investire nelle borse di Shanghai e Shenzhen attraverso il Qualified Foreign Institutional Investor in regime di Renminbi. Gran Bretagna e Francia, tra gli altri, hanno una disposizione simile. La scorsa settimana, la Cina ha concesso una quota di 80 miliardi di yuan per gli investitori sudcoreani. Entro la fine di giugno, il governo aveva approvato 250,3 miliardi di yuan di investimenti nel quadro del regime di 71 istituzioni nazionali ed estere.
Gli analisti hanno detto che la mossa potrebbe risollevare le sorti del mercato azionario cinese, e gli investimenti denominati in yuan aiuterebbe l’internazionalizzazione della moneta. Merkel avrebbe dovuto incontrare il presidente Xi Jinping ieri in tarda serata. Questo è il settimo viaggio della Merkel in Cina dal suo insediamento nel 2005. Le questioni commerciali sono apparentemente al primo posto nelle visite della Cancelliera e a dimostrazione di ciò il fatto che il capo di stato teutonico abbia portato con sé la più grande delegazione economica tedesca a visitare il paese.
Li ha anche annunciato ieri che si recherà in visita in Germania nel mese di ottobre.