PANDEMIA. Si fanno i conti dei guadagni per i vaccini

80

AstraZeneca ha detto che inizierà ad avere un modesto profitto dal suo vaccino contro il coronavirus mentre il mondo impara a convivere con il virus e la casa farmaceutica è in trattative con diversi paesi per nuovi ordini da consegnare il prossimo anno.

AstraZeneca, riporta Reuters, si è impegnata a vendere il vaccino sviluppato con l’Università di Oxford al prezzo di costo durante la pandemia e il 12 novembre ha detto che le nazioni a basso reddito continueranno a ricevere il vaccino a questo prezzo, mentre un approccio commerciale post-pandemia verrà applicato ad altri nuovi ordini anche se le infezioni in Europa aumentassero di nuovo.

I risultati del terzo trimestre dell’azienda anglo-svedese hanno mostrato che il vaccino ha contribuito con un centesimo agli utili di base per azione di 1,08 dollari, un aumento del 14%. Le vendite totali dei prodotti sono balzate del 49% a 9,74 miliardi di dollari, mentre le vendite del vaccino hanno superato il miliardo di dollari.

Sono in corso dei colloqui per nuovi ordini con paesi non rivelati, principalmente per la consegna del prossimo anno, e con alcuni potenziali clienti che si concentrano sui richiami. AstraZeneca ha svelato i suoi piani per istituire un’unità separata per concentrarsi sui suoi sforzi coronavirus e altre infezioni respiratorie; in totale l’utile complessivo del terzo trimestre è stato inferiore alle aspettative degli analisti.

AstraZeneca ha detto che una spinta al profitto dal vaccino nel quarto trimestre avrebbe compensato i costi relativi al suo cocktail di anticorpi per la prevenzione e il trattamento di Covid-19, poiché ha bloccato le sue previsioni di guadagno per l’anno.

Il vaccino di AstraZeneca ha avuto un percorso tumultuoso, con la sua strategia senza scopo di lucro e le sfide intorno ai dati di efficacia, i rifornimenti e i collegamenti ai coaguli di sangue rari, alimentando la speculazione sul fatto che vorrebbe mantenere il business a lungo termine.

La casa farmaceutica e il suo partner di produzione indiano, Serum Institute, hanno fornito più di 1,5 miliardi di dosi di vaccino a partire dalla fine di settembre, rispetto a più di 2 miliardi dall’alleanza rivale di Pfizer e BioNTech.

Pfizer questo mese ha previsto vendite 2021 e 2022 dal suo vaccino Covid-19 di almeno 65 miliardi di dollari complessivi, superando le stime. Tuttavia, Moderna ha ridotto le sue previsioni di vendita per il 2021 per il suo vaccino di ben 5 miliardi di dollari, a causa degli intoppi nella produzione.

Includendo le vendite del vaccino nel quarto trimestre, AstraZeneca ora si aspetta che le entrate del 2021 crescano di una percentuale medio-alta. In precedenza si aspettava che le vendite sarebbero cresciute di una percentuale bassa degli anni ’20, escludendo il vaccino.

Maddalena Ingrao