PANDEMIA. Scoperta la variante israeliana. Non ha imposto sull’efficacia dei vaccini

454

Gli scienziati hanno scoperto una variante del coronavirus israeliano e credono che ci siano centinaia di casi della mutazione nel nord, nel sud e nel centro di Israele, ma non credono che questa variante rappresenti una sfida all’efficacia del vaccino.

La variante è stata finora confermata in circa 180 pazienti, da Haifa nel nord a Beersheba nel sud, ma poiché il sequenziamento necessario per identificarla avviene solo in campioni di una minoranza di pazienti, si ritiene che esistano numerosi altri casi. La caratteristica distintiva della variante è un cambiamento di quattro aminoacidi in una posizione della proteina spike chiamata 681. È stata scoperta per la prima volta a luglio, ma è stata documentata solo ora, secondo un comunicato del ministero della Salute. «È chiaro dai cambiamenti che abbiamo visto che c’è qualcosa di abbastanza unico in Israele, che è il motivo per cui si ritiene che sia iniziato in Israele», riporta Times of Israel. Altri paesi hanno visto varianti con cambiamenti in questa posizione, ma nessuno con il particolare modello identificato dai ricercatori.

Il ministero della Salute ha rilasciato una dichiarazione sottolineando che la variante è «di nessun significato clinico o epidemiologico (…) Siamo abbastanza sicuri che non avrà un impatto sull’efficacia della vaccinazione (…) La mutazione è in un sito importante nel virus, ma in realtà non dà al virus alcun beneficio aggiunto (…) Non sembra essere più contagioso, più diffondibile o avere una maggiore gravità. È importante seguire la variante, ma non sembra avere una funzionalità o una virologia grave». Questo è anche probabile che sia vero per qualsiasi mutazione futura che emergerà da questo ceppo.

Stando così le cose, non ci si aspetta che la variante si diffonda selvaggiamente in Israele, poiché è meno trasmissibile della variante britannica, che ora rappresenta circa il 90% dei casi di Covid in Israele. La variante è stata sequenziata allo Sheba Medical Center.

Maddalena Ingroia