PANDEMIA. FMI e WB vogliono aiutare i paesi più poveri. A che prezzo?

56

Il Fondo Monetario Internazionale e il Gruppo della Banca Mondiale hanno deciso di aiutare i Paesi più colpiti economicamente dalle pesanti misure di contenimento imposte dalla pandemia.

Con centinaia di milioni di persone in isolamento in tutto il mondo, il Fmi ha detto all’inizio degli incontri Virtuali di Primavera 2020, che gli sforzi per mitigare l’emergenza sanitaria provocheranno una crisi economica paragonabile alla Grande Depressione degli anni Trenta.

I leader del Fmi e del Gruppo della Banca Mondiale, Kristalina Georgieva e David Malpass, rispettivamente, si trovano ora ad affrontare la sfida di coordinare una risposta efficace ad una crisi economica che sicuramente non lascerà indenne nessuna nazione. E anche se queste organizzazioni internazionali prevedono una parziale ripresa economica globale entro il 2021, l’incertezza che circonda la risposta sanitaria alla pandemia potrebbe far persistere ulteriormente il danno economico, riporta Efe.

Il presidente del gruppo della Banca Mondiale, Malpas, ha messo in guardia da una «recessione globale molto più profonda della recente Grande Recessione 2007-2009» e ha detto che i Paesi meno sviluppati del mondo ne saranno colpiti in modo sproporzionato. «Mentre gli effetti tragici di questa pandemia si fanno sentire a livello globale, questa crisi colpirà probabilmente i paesi più poveri e vulnerabili – e le persone – i più difficili (…) Da questa mattina, la Banca Mondiale ha finanziato, e il personale sta attuando, i programmi Covid-19 in 64 paesi in via di sviluppo. E avremo 100 paesi in corso entro la fine di aprile», ha aggiunto.

Malpass ha detto che si sta pianificando una massiccia risposta internazionale per i 76 Paesi in via di sviluppo più poveri del mondo, quelli che possono beneficiare del sostegno dell’Associazione Internazionale per lo Sviluppo, comprese le nazioni in Africa, Asia orientale, Asia meridionale, Europa e Asia centrale, America Latina e Caraibi e Medio Oriente e Nord Africa. «La Banca Mondiale fornirà trasferimenti netti positivi massicciamente aumentati e anticipati ai paesi Ida a condizioni molto agevolate, e il Fmi ha le sue iniziative di grande impatto», ha aggiunto.

Georgieva ha detto che più della metà dei 189 Stati membri del Fmi hanno già richiesto assistenza finanziaria per le ricadute economiche della pandemia: «Ci incontriamo in tempi eccezionali. E i tempi eccezionali richiedono un’azione eccezionale», ha detto il direttore generale del Fondo. «Più che mai, dobbiamo lavorare insieme per rispondere a questa crisi senza precedenti e prepararci alla ripresa», ha aggiunto.

Delle 102 nazioni che si sono rivolte al FMI per chiedere aiuto, 15 hanno già visto approvate le loro richieste, mentre i funzionari del Fondo dovrebbero prendere decisioni su decine di altre richieste entro la fine di aprile.

Lucia Giannini