PANDEMIA. Crolla il traffico aereo nel Sud Est Asiatico

61

Nel 2020 le compagnie aeree asiatiche hanno dovuto affrontare una serie di turbolenze da quando Covid-19 ha innescato una ristrutturazione profonda del mercato, con difficoltà finanziarie e persino il fallimento di alcuni marchi noti. Restrizioni alle frontiere, blocchi e paura dei coronavirus hanno scoraggiato molti a prendere voli e hanno lasciato le compagnie aeree in difficoltà finanziarie.

A livello globale nel 2020 sono stati forniti circa 2,6 miliardi di posti in meno rispetto al 2019, circa la metà dei livelli del 2019, secondo la società di dati aeronautici Oag Aviation Worldwide. Il traffico passeggeri è diminuito del 67% quest’anno rispetto al 2019 ed è stato pari ai livelli del 1999, secondo la società di dati aeronautici Cirium, riporta Nikkei.

Le compagnie aeree nel 2020 dovrebbero aver perso 118 miliardi di dollari, secondo le previsioni dell’International Air Transport Association fatte a novembre 2020, peggiore degli 84 miliardi di dollari previsti a giugno.

La Korean Air e la sudcoreana Asiana Airlines si stanno già muovendo per consolidarsi attraverso una fusione mediata con il supporto di Seoul. Gli esperti del settore ritengono che altri attori asiatici saranno probabilmente costretti a seguire l’esempio di una regione che già prima della pandemia soffriva di un eccesso di capacità produttiva.

Tuttavia, lo sconvolgimento pandemico fornisce anche un’apertura di mercato potenzialmente rara per i rivali che vogliono espandersi nei meandri della crisi, scommettendo sulle tendenze a lungo termine che indicano ancora una regione che volerà ancora frequentemente.

L’industria nella regione Asia-Pacifico è in un crollo senza precedenti. La Iata ha rivelato l’8 dicembre 2020 che la domanda di passeggeri internazionali, misurata in chilometri di passeggeri, per la regione in ottobre è diminuita del 96% rispetto all’anno precedente – una riduzione più grave rispetto all’83% dell’Europa e all’88% del Nord America.

Molti Paesi dell’Asia rimangono in effetti chiusi a tutti tranne che a una manciata di viaggiatori, a differenza di altre regioni che hanno in parte riaperto le frontiere ai turisti internazionali, anche se i confini mondiali sono ora nuovamente sconvolti dalla comparsa di varianti di Covid-19.

Ma i voli interni dell’area sono sulla strada della ripresa, soprattutto in Cina, dove la domanda di passeggeri in ottobre è diminuita solo dell’1,4% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. China Southern Airlines e i suoi omologhi hanno lanciato campagne che offrono voli illimitati per periodi specifici per incrementare la domanda.

Prima della pandemia, la regione dell’Asia-Pacifico era diventata il più grande mercato del settore. L’anno scorso rappresentava il 35% dei passeggeri, rispetto al 27% dell’Europa e al 22% del Nord America, secondo la Iata.

Nonostante il ruolo di motore di crescita globale svolto dalla regione nell’ultimo decennio, alimentato dall’aumento dei passeggeri della classe media in Cina, India e Sud-Est asiatico e dall’emergere di vettori economici per i viaggi di piacere, già prima della pandemia c’erano segni di crisi finanziarie.

Il fattore di carico della regione – una misura del numero di posti disponibili venduti – nel 2019 è stato solo dell’81,9%, inferiore alla media globale dell’82,6% e molto al di sotto dell’85,2% dell’Europa e dell’84,9% del Nord America. Ma la capacità totale di posti a sedere della regione ha continuato ad aumentare fino a quasi 2,2 miliardi nel 2019, con un incremento del 28% rispetto al 2015, secondo Cirium.

I vettori della regione hanno cercato di trarre vantaggio dal mercato in crescita lanciando continuamente nuovi voli – con conseguente pressione sulla redditività.

Dopo Virgin Australia, che è entrata in amministrazione controllata ad aprile 2020 ed è stata acquistata dalla società statunitense di private equity Bain Capital, Thai Airways ha avviato a settembre un processo di risanamento aziendale sotto la supervisione del tribunale. Philippine Airlines sta anche chiedendo la protezione del tribunale per una ristrutturazione del debito, mentre Malaysia Airlines ha anche annunciato in ottobre le negoziazioni per la ristrutturazione di 3,9 miliardi di dollari di debito.

Nel tentativo di salvare l’occupazione e la connettività aerea per la loro ripresa economica, molti governi di tutto il mondo hanno cercato di aiutare le loro compagnie di bandiera a superare la tempesta di coronavirus con massicci finanziamenti.

Tuttavia, in Asia – e in particolare nel Sud-Est asiatico, dove i danni finanziari alle compagnie aeree sono stati maggiori perché ci sono mercati interni più piccoli su cui contare – non c’è stato molto sostegno da parte del governo, tranne ad esempio che per Singapore Airlines e Thai Airways. La compagnia aerea thailandese addirittura sta entrando in un processo di riabilitazione sotto la supervisione del tribunale.

Lucia Giannini