PAKISTAN. L’economia pakistana rischia di essere una succursale cinese a basso costo

67

Le aziende cinesi stanno rilevando le principali attività del settore manifatturiero pakistano, il cuore dell’economia pakistana dal valore di 276 miliardi di dollari. Anche se l’aumento degli investimenti cinesi promette di rilanciare l’economia del Pakistan, ci sono preoccupazioni nazionalistiche espresse da imprese e gruppi locali che gli investitori cinesi stanno eliminando le industrie locali principali, i beni statali e le imprese a scapito degli attori e degli interessi pachistani.

Il World Investment Report 2020 della Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo indica che gli investimenti diretti esteri in Pakistan sono aumentati da 1,7 miliardi di dollari nel 2018 a 2,2 miliardi di dollari nel 2019, con Ide accumulati di 34,8 miliardi di dollari alla fine dello stesso anno. La Cina è di gran lunga il maggior contribuente di Ide in Pakistan, si legge nel documento. Il governo pakistano disaggrega gli investimenti cinesi legati al progetto del Corridoio economico Cina-Pakistan da 60 miliardi di dollari, un asse della Belt and Road Initiative, e gli investimenti non-Cpec, riporta Asia Times.

Questi ultimi sono sempre più orientati verso la manodopera a basso costo e assicurarsi l’accesso alle materie prime che vengono rispedite alle fabbriche cinesi. La Cina sta anche costruendo fabbriche in Pakistan per esportare prodotti finiti direttamente nei mercati europei che Pechino spera di raggiungere più facilmente attraverso i suoi investimenti Bri. Gli investitori cinesi sono anche pronti a comprare varie imprese statali in perdita che il governo ha indicato di voler vendere e le cui perdite hanno recentemente raggiunto 1,5 trilioni di rupie, più dello stanziamento annuale del paese per la difesa.

Il governo ha pianificato di vendere le partecipazioni nelle ferrovie statali del Pakistan, Pakistan International Airlines e Pakistan Steel Mills, tra gli altri, a investitori stranieri. La Cina è emersa come uno dei pochi offerenti ma non tutti i pakistani sono felici degli acquisti e delle costruzioni di beni cinesi.

I dati aziendali ufficiali mostrano che più di 2.000 entità commerciali cinesi si sono registrate in Pakistan, la metà delle quali a Islamabad. I loro investimenti vanno ben oltre l’ambito del Cpec. Il commercio cinese e le imprese industriali stanno operando in tutto il paese, con interessi congiunti e interamente posseduti in fabbriche tessili, impianti di cemento, produttori di energia, acciaierie, progetti di edilizia abitativa e telecomunicazioni

Ufficiale o meno, l’investimento cinese sta inequivocabilmente trasformando il Pakistan. Nel 2015, le aziende statali cinesi hanno stabilito un punto d’appoggio iniziale acquisendo la Borsa di Karachi e K-Electrics, una società di produzione e distribuzione di energia: nel settore energetico, le aziende cinesi sono ora coinvolte nella costruzione di 27 progetti energetici legati al Cpec e sei non-Cpec: la costruzione da parte di Power China della diga Diamer Basha da 1,4 trilioni di rupie in una joint venture con la Frontier Works Organization, società edile dell’esercito pakistano; la compagnia statale cinese Changan Automobile Company sta installando un impianto di assemblaggio di automobili da 136 milioni di dollari a Karachi in una joint venture con il Pakistan Master Group of Industries; i cinesi stanno anche investendo pesantemente nella produzione tessile, un settore che contribuisce all’8,5% del prodotto interno lordo e impiega il 45% della forza lavoro industriale totale.

Gli investimenti cinesi in Pakistan Airlines e Pakistan Steel Mills minacciano di alimentare reazioni nazionalistiche: il governo ha recentemente negato che qualsiasi vendita sia imminente, probabilmente in risposta alla crescente resistenza dei lavoratori.

Diversi conglomerati cinesi si sono avvicinati alla Commissione per le Privatizzazioni per esprimere il loro interesse a fare offerte su beni statali in difficoltà: la Metallurgical Construction Corporation cinese intende acquisire Psm.

Simili speculazioni vengono fatte per Pia. A dicembre, il governo ha annunciato uno schema di pensionamento volontario per 3.500 dipendenti; l’azienda statale cinese aeronautica Sibol Cina, intende acquistare Pia.

Maddalena Ingrao