PAKISTAN. Islamabad sull’orlo del baratro…

211

Il Pakistan è sull’orlo del default sui suoi obblighi finanziari. Nel 2022 il cambiamento climatico ha portato a gravi inondazioni nel paese e l’invasione russa dell’Ucraina ha colpito le catene di approvvigionamento alimentare ed energetico. Entrambi gli eventi hanno esacerbato le difficoltà economiche del Pakistan. Ma la politica instabile ha ostacolato qualsiasi risposta coerente del governo.

Il Pakistan, riporta AT, sta contemporaneamente cercando di far fronte a diverse crisi economiche e politiche. La colpa è in gran parte del sistema politico disfunzionale del Pakistan e delle élite del paese. L’ex primo Ministro destituito Imran Khan continua a combattere la coalizione politica, debole e disparata, che lo ha sostituito nei tribunali e nelle strade.

Anche la Corte Suprema del Pakistan è coinvolta in una nuova controversia sul rinvio delle elezioni provinciali in Punjab da parte della Commissione elettorale fino all’ottobre 2023.

La rimozione di Khan con un voto di sfiducia nel 2022 da parte del parlamento pakistano e le conseguenti violenze e disordini nel paese hanno creato una telenovela politica. La polizia federale ha fallito un tentativo di arrestare Khan dalla sua casa di Lahore per non essersi presentato a un’udienza davanti alla Commissione elettorale.

L’Alta Corte di Islamabad ha in qualche modo attenuato la situazione di tensione ritardando l’udienza fino al 30 marzo 2023. Ma il dramma promette di continuare poiché diversi casi in luoghi diversi manterranno Khan in disparte.

Durante il dramma politico, il ministro delle Finanze Ishaq Dar non è riuscito a raggiungere un accordo tempestivo con il Fondo monetario internazionale su una revisione dell’economia pakistana che porterebbe al rilascio della prossima tranche critica di aiuti del valore di circa 1 miliardo di dollari. Questo esborso avrebbe contribuito al rilascio di finanziamenti per il governo pakistano da altre fonti multilaterali e bilaterali.

Prima di rilasciare gli aiuti, il Fmi doveva confermare le precedenti promesse di Dar secondo cui la Cina e altri paesi erano disposti a svolgere un ruolo nel salvataggio del Pakistan. Il Fmi favorisce il controllo della spesa, una migliore amministrazione fiscale e la fine dei sussidi e degli sgravi fiscali all’esportazione che favoriscono le imprese più grandi dei cartelli.

Il governo ha annunciato sussidi per il carburante volti ad aiutare i poveri nel marzo 2023, ma erano complicati da attuare e potrebbero aumentare il deficit fiscale ed energetico che il Pakistan deve affrontare. A febbraio 2023 l’inflazione è salita sopra il 30%, toccando a marzo il 35%, il livello più alto dal 1974.

L’inflazione è diventata una tassa per i poveri che spendono più della metà del loro reddito in cibo. Le tasse sulle importazioni hanno anche portato alla chiusura delle industrie chiave che dipendono da input importati. Di conseguenza, le tasse sulle importazioni sono diventate di fatto tasse sulle esportazioni.

La rupia pakistana ha perso terreno rispetto al dollaro statunitense, alimentata in parte dalla crescente domanda di contrabbando di dollari nel vicino Afghanistan. Il ministro Dar – nominato per il suo rapporto con la ricca famiglia politica Sharif – piuttosto che per la sua conoscenza dell’economia, ha predetto una rupia forte ancor prima di tornare in Pakistan da Londra.

Dar ha minato l’ex ministro delle finanze Miftah Ismail, che sembrava essere ottimista su un accordo con il Fmi nel giugno 2022. L’accordo con il Fmi non è avvenuto e Ismail è stato licenziato subito dopo l’arrivo di Dar in Pakistan. Ismail non ha prorogato il mandato dell’ex governatore della State Bank of Pakistan Reza Baqir nel maggio 2022, che ha lasciato Dar come zar economico.

In questo vortice economico è arrivata l’agitazione politica di Khan aiutata dalla sua potente forza giovanile urbana.

Anche all’interno dell’esercito, ufficiali e soldati più giovani, reclutati principalmente dalle città del Pakistan, sono sostenitori di Khan. Lo scioglimento del governo di coalizione di Khan nella provincia del Punjab e del governo di maggioranza nella provincia nord-occidentale di Khyber Pakhtunkhwa ha accresciuto l’incertezza politica nazionale.

Khan ha chiesto elezioni nazionali anticipate. In primo luogo ha accusato gli Stati Uniti di aver cospirato per rimuoverlo, ma in seguito ha assolto gli Stati Uniti da questa accusa e ha incolpato l’ex capo di stato maggiore dell’esercito e il generale Qamar Javed Bajwa. Bajwa a sua volta ha definito Khan un “grande bugiardo”.

Il primo ministro Shehbaz Sharif ha cercato rifugio dietro il potente nuovo capo di stato maggiore dell’esercito, il generale Syed Asim Munir, che Khan aveva sommariamente rimosso dalla sua posizione di direttore generale dell’Inter-Services Intelligence. Sharif vuole ritardare le elezioni fino all’ottobre 2023 per preparare il terreno alla sua rielezione.

Ma non è chiaro se Sharif sarà in grado di tenere unita la sua traballante coalizione di fronte ai disordini nelle strade e a un’economia con un’inflazione vertiginosa.

Il ministro delle finanze di Sharif, Dar, ha perso mesi a causa di turbolenze economiche auto-create mentre tuonava contro il Fmi. Sembrava che Sharif stesse elaborando una politica su cui costruire speranza piuttosto che la realtà degli afflussi finanziari da altri paesi. Tali afflussi non si sono concretizzati fino alla fine di marzo 2023.

Aprile potrebbe diventare il mese più crudele per il Pakistan se l’accordo con il Fmi fallisse e si verificasse un default del debito pubblico.

In tal caso, i militari potrebbero essere tentati di subentrare o creare ancora una volta un fragile accordo con Khan come premier.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/