PAKISTAN. Islamabad ha bloccato TikTok

69

Il 9 ottobre, il Pakistan ha bloccato l’app TikTok per non aver filtrato i contenuti “immorali e indecenti”, ha dichiarato l’autorità nazionale per le telecomunicazioni in un comunicato, ripreso da Gulf Today: «In considerazione del numero di lamentele da parte di diversi segmenti della società contro contenuti immorali e indecenti sull’applicazione di condivisione video TikTok, Pakistan»

Il Pakistan ha un’enorme base di utenti TikTok. Ad esempio Jannat Mirza, che è diventato il più grande fenomeno TikTok in Pakistan conta oltre 10 milioni di seguaci.

L’uso quotidiano di TikTok nel Paese supera, in termini di portata, le altre piattaforme di social media.

«La Telecommunication Authority, Pta, ha emanato istruzioni per il blocco dell’applicazione», si legge nella dichiarazione che ha confermato una precedente notizia della Reuters sul divieto. Il Pta ha detto che TikTok è stato informato che l’autorità di regolamentazione è aperta all’impegno e riesaminerà la sua decisione in base a un meccanismo soddisfacente da parte di TikTok per moderare i contenuti illegali.

TikTok, di proprietà della cinese ByteDance, è diventato molto popolare in breve tempo, incoraggiando i giovani utenti a pubblicare brevi video. La sua rapida ascesa l’ha messa sotto i riflettori di un un certo numero di paesi che hanno sollevato preoccupazioni in materia di sicurezza e privacy per i suoi collegamenti con la Cina.

A giugno, è stata bloccata in India, allora il suo mercato più grande da parte degli utenti, che ha citato preoccupazioni per la sicurezza nazionale in un momento di confronto sui confini con la Cina. Inoltre, si trova ad affrontare la minaccia di essere bloccata negli Stati Uniti e di essere sottoposta a controlli in altri paesi, tra cui l’Australia.

TikTok ha a lungo negato che i suoi legami con la Cina costituiscano un problema di sicurezza in altri Paesi.

Il Pakistan a maggioranza musulmana ha una regolamentazione dei media che aderisce alle consuetudini sociali religiose. A luglio, l’autorità di regolamentazione delle telecomunicazioni ha emesso un “ultimo avvertimento” a TikTok sui contenuti provocatori.

La decisione è stata presa dopo che il primo ministro Imran Khan ha mostrato un vivo interesse per la questione, e ha ordinato alle autorità delle telecomunicazioni di fare tutti gli sforzi per bloccare i contenuti volgari.

Graziella Giangiulio