PAKISTAN. Google minaccia di andarsene con la nuova legge sui social media

107

Le autorità pakistane devono affrontare una forte resistenza alle nuove regole di sicurezza che creano nuove restrizioni all’uso di internet e dei servizi di social media, poiché i giganti della tecnologia, come Google, Facebook e Twitter, minacciano di ritirarsi dal Paese se la legislazione restrittiva viene approvata.

Il mese scorso il governo pakistano ha introdotto le cosiddette Removal & Blocking of Unlawful Online Content Rules 2020, Rbuoc, che estendono l’ambito del controllo governativo al materiale online pubblicato sui social media e sui siti web, incluse tutte le informazioni che potrebbero «intimidire o danneggiare la reputazione del governo federale o provinciale o di qualsiasi persona che ricopre una carica pubblica» riporta Asia Times.

Le regole non definiscono chiaramente ciò che si qualifica come “intimidazione” e ciò che costituisce un fatto “dannoso” per la reputazione dei titolari di cariche pubbliche.

Inoltre, se le società di social media o i fornitori di servizi Internet si rifiutano di eliminare contenuti ritenuti discutibili dalle autorità, la Pakistan Telecommunication Authority è autorizzata a bloccarli completamente. La cosa più importante è che le nuove regole Rbuoc richiedono a Google, Facebook, Twitter, Linkedin, TikTok, YouTube e altre piattaforme internazionali di social media di istituire uffici permanenti a Islamabad e di allestire server locali per archiviare dati specifici del Pakistan. Qualsiasi violazione di queste leggi è soggetta a una multa di oltre 3 milioni di dollari.

È la seconda volta che le autorità hanno imposto nuove restrizioni alle piattaforme di social media negli ultimi nove mesi: a febbraio, il governo ha tentato, ma non è riuscito a portare avanti una legge di censura digitale nota come “The Citizen Protection (Against Online Harm) Rules 2020”. Il gabinetto federale ha approvato la legge a gennaio per regolamentare l’uso di internet e dei servizi di social media; l’obiettivo era quello di privare i partiti dell’opposizione delle piattaforme dei social media come strumenti di promozione. Il governo era anche preoccupato per una campagna critica contro i leader civili e militari che stava guadagnando terreno sui social media.

La diffusa condanna costrinse il governo ritirare la normativa. Sebbene la legge sia rimasta intatta, le autorità non sono riuscite a farla entrare in vigore a causa di massicce proteste e delle cause intentate in tribunale.

Le regole impediscono di pubblicare blasfemie religiose, diffamazioni, oscenità, pornografia, pedofilia, incitazioni alla violenza e danni per la sicurezza nazionale che violino le disposizioni del Pakistan Electronic Crimes Act 2016, legge che si concentra principalmente sui crimini informatici, terrorismo informatico, falsificazioni elettroniche, reclutamento, finanziamento e pianificazione di atti terroristici.

L’opposizione osserva che, mentre il Peca è incentrato su un comportamento palesemente criminale, le nuove regole sono state redatte appositamente per limitare le libertà e le libertà online.

Luigi Medici