PAKISTAN. Giorno di elezioni. Attentati alla vigilia elettorale

28

Due esplosioni vicino agli uffici dei candidati elettorali nella provincia sud-occidentale del Balochistan, in Pakistan, hanno ucciso 26 persone e ne hanno ferite decine il 7 febbraio.

Il Pakistan si sta recando oggi alle urne tra i crescenti attacchi militanti e l’incarcerazione di Imran Khan, il vincitore delle ultime elezioni nazionali, che ha dominato i titoli dei giornali nonostante la crisi economica e altri problemi che minacciano il paese dotato di armi nucleari, riporta Reuters.

Le autorità hanno affermato di aver rafforzato la sicurezza nei seggi elettorali. Il primo attacco, che ha ucciso 14 persone, è avvenuto presso l’ufficio di un candidato alle elezioni indipendenti nel distretto di Pishin.

La seconda esplosione a Qilla Saifullah, vicino al confine afghano, è avvenuta vicino a un ufficio di Jamiat Ulema Islam, Jui, , un partito religioso che in precedenza era stato bersaglio di attacchi militanti, secondo il ministro dell’Informazione della provincia; 12 persone sono state uccise e 25 ferite da un ordigno piazzato su una moto parcheggiata vicino all’ufficio.

Non è stato subito chiaro chi si nascondesse dietro gli attacchi. Diversi gruppi, tra cui i militanti islamici talebani pakistani, Ttp, e gruppi separatisti del Belucistan, si oppongono allo Stato pakistano e hanno compiuto attacchi negli ultimi mesi.

Un portavoce del Ttp ha rivendicato un attacco precedente avvenuto lunedì che ha ucciso 10 persone in una stazione di polizia nel nord-ovest del Pakistan. Il Ttp ha affermato che sta prendendo di mira la polizia e i funzionari di sicurezza piuttosto che i candidati.

L’ospedale Khanzai, vicino al luogo dell’esplosione di mercoledì a Pishin, ha stimato il bilancio delle vittime a 14 e ha detto che più di due dozzine sono rimasti feriti. 

Gli attacchi sono avvenuti mentre i partiti politici concludevano la loro campagna elettorale nel periodo di calma imposto dalle regole elettorali il giorno prima delle elezioni.

Khan, in un messaggio dal carcere, aveva precedentemente esortato i suoi sostenitori ad aspettare fuori dai seggi elettorali dopo aver espresso il loro voto, mentre i partiti politici rivali tenevano grandi manifestazioni per celebrare la fine del periodo della campagna elettorale.

Qualsiasi raduno su larga scala di sostenitori di Khan vicino ai seggi potrebbe aumentare le tensioni a causa di quella che chiamano una repressione appoggiata dai militari contro di lui e il suo partito che ha limitato la campagna elettorale. L’esercito nega di interferire nella politica.

«Incoraggiate il numero massimo di persone a votare, aspettate al seggio elettorale… e poi rimanete pacificamente fuori dall’ufficio del funzionario elettorale fino all’annuncio dei risultati finali», aveva detto Khan su X, accompagnato da una fotografia non datata che lo ritrae vestito di nero.

Il suo partito Pakistan Tehreek-e-Insaf, Pti, ha anche pubblicato un video di Khan registrato pochi giorni prima del suo arresto in agosto, invitando le persone a recarsi a votare.

Il favorito Nawaz Sharif ha guidato una grande manifestazione nella città orientale di Kasur con suo fratello, l’ex primo Ministro Shehbaz Sharif, che corre in quella circoscrizione elettorale.

In mezzo a un mare di decine di migliaia di sostenitori che sventolavano le bandiere verdi del partito, Sharif ha invitato i giovani del paese a sostenere il suo partito e ha preso di mira Khan che in precedenza aveva attirato il sostegno dei giovani elettori della zona.

Nella città meridionale di Larkana si sono riuniti anche i sostenitori del rivale Partito popolare pakistano, guidato da Bilawal Bhutto Zardari, probabile ago della bilancia per la formazione di un governo. 

L’ex ministro degli Esteri e figlio di Benazir Bhutto ha criticato gli oppositori, incluso Sharif, per quello che ha descritto come un compromesso per la sicurezza e l’economia del paese durante il loro mandato.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/