PAKISTAN. “Daremo un esempio come deterrente”, dice Pechino dopo gli attentati contro i cinesi

120

Un attacco contro due operai cinesi in Pakistan il 28 luglio è l’ultimo di una serie di incidenti che ha portato Pechino a rivalutare a proteggere meglio i suoi cittadini e interessi in Pakistan, paese che è diventato strategicamente importante come centro della Belt and Road Initiative.

L’attentato è avvenuto nella città portuale di Karachi, uomini armati su una moto hanno aperto il fuoco su una macchina che trasportava gli operai cinesi, ferendoli, riporta Radio Mashaal- Gandhara.

La sparatoria arriva sulla scia di un’esplosione del 14 luglio che ha fatto precipitare in un burrone un autobus che trasportava personale cinese e pakistano per il progetto di diga finanziato dalla Cina nel nord-ovest del Pakistan, uccidendo nove cittadini cinesi e quattro pakistani.

Anche se i lavoratori e i diplomatici cinesi sono già stati presi di mira in Pakistan, la portata e la frequenza degli attacchi sta crescendo. L’incidente dell’autobus rappresenta l’attacco più mortale in assoluto contro il personale cinese all’estero e arriva mentre la regione si prepara a un peggioramento della situazione della sicurezza in Afghanistan in seguito al ritiro delle truppe americane che potrebbe riversarsi nei paesi vicini come il Pakistan.

Le autorità stanno ancora indagando su entrambi gli incidenti, le forze dell’ordine pakistane hanno annunciato di aver arrestato due sospetti in relazione all’esplosione del 28 luglio, ma il motivo dietro gli attacchi non è immediatamente chiaro, e nessun gruppo ha rivendicato la responsabilità di entrambi gli incidenti. Eppure, la Cina ha risposto con una posizione aggressiva e una retorica forte.

Global Times ha detto che Pechino sta seguendo da vicino la sparatoria a Karachi e in risposta all’esplosione della bomba, il giornale aveva detto che le forze antigovernative che prendono di mira i cittadini cinesi e i progetti in Pakistan subiranno l’ira di Pechino. Linguaggio altrettanto duro del ministro degli Esteri cinese Wang Yi, che ha chiesto la punizione dei responsabili e che il Pakistan protegga meglio gli interessi della Cina nel paese. «La Cina non solo fornirà il supporto e l’assistenza necessari se la forza del Pakistan è insufficiente, i missili e le forze speciali cinesi potrebbero anche partecipare direttamente alle operazioni per eliminare le minacce contro i cinesi in Pakistan con il consenso del Pakistan», ha detto Global Times il 16 luglio, «Daremo un esempio come deterrente».

L’ondata di attacchi arriva mentre la Cina cerca di cementare il suo status di leader regionale in Asia meridionale e centrale. Il Corridoio economico Cina-Pakistan è diventato una delle manifestazioni più visibili delle ambizioni geopolitiche della Cina all’estero. Il cambiamento della situazione sul terreno porta con sé ulteriori costi di sicurezza per il Cpec.

Luigi Medici