PAKISTAN. Aperte le porte pakistane del CPEC

59

Il Pakistan ha annunciato ufficialmente la decisione di conferire lo status di provincia al Gilgit-Baltistan, l’area settentrionale parte della più vasta regione del Kashmir che dal 1947 è stata oggetto di una disputa tra India e Pakistan.

Il primo Ministro Imran Khan, mentre si rivolgeva a un incontro pubblico nella città di Gilgit, annunciò la decisione il 1° novembre, data in cui l’area fu fusa in Pakistan nel 1947 durante la guerra indo-pakistana del 1947-1948, talvolta nota come la prima guerra del Kashmir e la prima delle quattro guerre indo-pakistane: «Abbiamo deciso di concedere al Gilgit-Baltistan lo status provinciale ‘provvisorio’, che era la loro richiesta. Abbiamo preso questa decisione tenendo conto delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell’Onu», ha detto Khan, ripreso dal Jerusalem Post: «Uno dei tanti motivi per cui il Gilgit-Baltistan è rimasto indietro è stato perché è stato tagliato fuori dal resto del Pakistan», ha poi aggiunto. Il Gilgit-Baltistan riceverà lo status di provincia a pieno titolo dopo le elezioni generali del 15 novembre 2020.

L’area è un territorio autonomo all’interno del Pakistan. È supervisionato da un ministro capo e da un governatore, come le quattro province originarie. Il sistema attuale è stato introdotto nel 2009 con decreto presidenziale.

Prima della divisione del 1947, il Gilgit-Baltistan faceva parte dell’India britannica e del “grande Kashmir”. Come tale, era governato da Hari Singh, un maharaja sikh, un titolo sanscrito che significa “grande sovrano”, “grande re” o “alto re”.

Dopo la fine del dominio britannico, le proteste di massa sono aumentate nelle aree a maggioranza musulmana del Grande Kashmir, e Singh ha dichiarato la fusione del “Grande Kashmir” con l’India. I residenti locali hanno rifiutato e si sono ribellati.

Il 1° novembre 1947, dopo la guerra, il governatore militare sikh del Gilgit-Baltistan, il generale di brigata Ghansara Singh, si arrese alle guardie rivoluzionarie e fu dichiarato lo Stato islamico di Gilgit. Il 16 novembre dello stesso anno il Pakistan ha assunto il controllo amministrativo.

Il Gilgit-Baltistan è alla confluenza delle più grandi catene montuose del mondo: il Karakorum, l’Himalaya, l’Hindu Kush e il Pamir; confina con la Cina, l’Afghanistan e il Jammu-Kashmir controllato dall’India, un’area contesa anche tra Pakistan e India dopo la divisione. Nell’agosto 2019, il Parlamento indiano ha approvato il progetto di legge sul Jammu e Kashmir (Riorganizzazione), che ha diviso la regione in due territori sindacali – Jammu e Kashmir, e Ladakh – entrambi governati direttamente da Nuova Delhi.

Da allora il Jammu e Kashmir controllato dall’India è in uno stato di isolamento. Sono state imposte condizioni simili al coprifuoco. Nel frattempo, decine di migliaia di truppe indiane sono regolarmente dispiegate nella regione.

Con una superficie di 28.174 metri quadrati, il Gilgit-Baltistan è diviso in tre settori amministrativi e 14 distretti. La popolazione stimata della regione è di 2 milioni di abitanti. È un territorio multietnico, multilingue e multisettario.

È anche la porta d’accesso al Corridoio Economico Cina-Pakistan. Il Cpec fa parte del progetto infrastrutturale Belt-and-Road di Pechino, che mira a collegare la provincia nord-occidentale dello Xinjiang, con il lontano porto di Gwadar, nella provincia pakistana di Balochistan, situata sulle rive del Mar Arabico di fronte all’Oman.

Antonio Albanese