PAKISTAN. Alluvioni e devastazioni bloccano Islamabad

132

Forti piogge si sono abbattute su alcune zone del Pakistan venerdì scorso, dopo che il governo ha dichiarato l’emergenza per far fronte alle inondazioni monsoniche che hanno colpito più di quattro milioni di persone.

Il monsone annuale è essenziale per l’irrigazione delle colture e il riempimento di laghi e dighe nel subcontinente indiano, ma ogni anno porta anche un’ondata di distruzione, riporta Afp.

L’Agenzia nazionale per la gestione dei disastri, Ndma, ha dichiarato il 26 agosto che quest’anno più di 900 persone sono state uccise dalle piogge monsoniche iniziate a giugno. Secondo i funzionari, le inondazioni di quest’anno sono paragonabili a quelle del 2010, le peggiori mai registrate, quando morirono più di 2.000 persone e quasi un quinto del Paese era sott’acqua.

Migliaia di persone nelle zone rurali del Pakistan cercano riparo accanto all’autostrada nazionale, poiché le strade sopraelevate sono tra i pochi luoghi asciutti nel paese allagato.

L’Agenzia per i disastri ha dichiarato che oltre 4,2 milioni di persone sono state “colpite” dalle inondazioni, con quasi 220.000 case distrutte e mezzo milione di altre gravemente danneggiate.

Due milioni di acri di coltivazioni sono stati spazzati via nel solo Sindh, ha dichiarato l’agenzia provinciale per i disastri, dove molti agricoltori vivono alla giornata, di stagione in stagione.

Il ministro dei cambiamenti climatici Sherry Rehman, che mercoledì scorso ha definito le inondazioni «una catastrofe di dimensioni epiche», ha dichiarato che il governo ha dichiarato l’emergenza e ha fatto appello all’assistenza internazionale.

Il Pakistan è all’ottavo posto dell’Indice globale di rischio climatico, una lista compilata dalla ONG ambientalista Germanwatch dei Paesi ritenuti più vulnerabili alle condizioni meteorologiche estreme causate dai cambiamenti climatici.

All’inizio di quest’anno gran parte del Paese era in preda alla siccità e all’ondata di calore, con temperature che hanno raggiunto i 51 gradi Celsius a Jacobabad, nella provincia di Sindh.

La città è ora alle prese con inondazioni che hanno sommerso le case e spazzato via strade e ponti.

A Sukkur, a circa 75 chilometri di distanza, i residenti hanno faticato a farsi strada lungo strade fangose e intasate dai detriti portati dalle inondazioni.

Il Primo Ministro Shehbaz Sharif ha cancellato un viaggio programmato in Gran Bretagna per supervisionare la risposta all’alluvione e ha ordinato all’esercito di destinare ogni risorsa alle operazioni di soccorso. È stato lanciato un appello nazionale per la raccolta di fondi, con l’esercito pakistano che ha dichiarato che ogni ufficiale in servizio avrebbe donato un mese di stipendio.

Le aree più colpite sono il Balochistan e il Sindh nel sud e nell’ovest, ma quasi tutto il Pakistan ha sofferto quest’anno.

Dal 26 agosto sono circolate sui social media immagini di fiumi ingrossati che hanno distrutto edifici e ponti costruiti lungo le loro sponde nel nord montuoso. A Chaman, la città di frontiera occidentale confinante con l’Afghanistan, i viaggiatori hanno dovuto guadare l’acqua alta fino alla vita per attraversare il confine dopo lo scoppio di una vicina diga, che si è aggiunta al diluvio portato dalla pioggia.

Le ferrovie pakistane hanno dichiarato che la vicina Quetta, capitale della provincia del Balochistan, è stata interrotta e i servizi ferroviari sono stati sospesi dopo che un ponte chiave è stato danneggiato da un’alluvione improvvisa.

La maggior parte delle reti mobili e dei servizi internet sono stati interrotti nella provincia, e l’autorità per le telecomunicazioni del Paese ha definito la situazione “senza precedenti”.

Lucia Giannini