Il pedone afghano

65

PAKISTAN – Karachi. 23/11/14. La partenza della NATO dall’Afghanistan potrebbe spingere l’India e il Pakistan verso una guerra per procura a dirlo l’ex dittatore militare pakistano, generale Pervez Musharraf. Fonte thenational.ae.

Come ex premier del Pakistan, il generale Musharraf era un alleato chiave degli Stati Uniti nella “guerra al terrore”, ma ora vive sotto stretta sorveglianza nella sua casa di Karachi, di fronte ai talebani che lo minacciano di morte. Attualmente sta subendo un processo penale per eventi che vanno dal 2008 ad oggi. Il 71enne ha elogiato il nuovo presidente afghano Ashraf Ghani, che ha fatto il suo primo viaggio ufficiale in Pakistan la scorsa settimana per cercare di ripristinare le relazioni oramai tese. Il sostegno del Pakistan è visto come cruciale per la pace afghana quando le forze guidate dagli Usa andranno via a fine 2014, dopo 13 anni che combattono i talebani. «Il pericolo per il Pakistan è … l’influenza indiana in Afghanistan», ha detto l’ex premier. «Questo è un altro pericolo per l’intera regione e per il Pakistan, perché il coinvolgimento indiano non ha una connotazione anti-Pakistan. Essi [India] vogliono creare un anti-Pakistan in Afghanistan». Dall’indipendenza dalla Gran Bretagna nel 1947 India e Pakistan sono stati rivali rivali e si sono accusati a vicenda per cercare di guadagnare influenza in Afghanistan. Mentre l’India ha cercato di guadagnare terreno grazie alla tradizione, influenzando l’etnia tagika, che domina nel nord dell’Afghanistan, il Pakistan ha cercato di usare la sua influenza con i pashtun nel sud e nell’est del paese, che costituiscono la maggioranza dei talebani. «Se gli indiani utilizzano alcuni elementi delle entità etniche in Afghanistan, poi il Pakistan userà il proprio supporto per gli elementi etnici, ed i nostri elementi etnici sono sicuramente pashtun» Gen Musharraf ha detto. «Così ci stiamo avviando una guerra per procura in Afghanistan. Questo deve essere evitato». Il Gen Musharraf ha accusato l’India di sostenere i ribelli separatisti nel sud-ovest della provincia del Pakistan del Baluchistan nei campi di addestramento nel sud dell’Afghanistan – un’accusa comune in ambienti militari pakistani. L’ex presidente afghano Hamid Karzai ha accusato il Pakistan di routine del segreto appoggio ai talebani come una copertura contro l’influenza indiana nel suo paese. Il Pakistan nega l’accusa, anche se era uno dei soli tre paesi a riconoscere ufficialmente il regime afghano dei talebani, al potere dal 1996 al 2001, quando l’invasione guidata dagli Stati Uniti ha portato nel suo rovesciamento.