PACIFICO DEL SUD. Nuova ambasciata USA nelle Isole Salomone

179

Gli Stati Uniti hanno aperto giovedì scorso un’ambasciata nelle Isole Salomone nella loro ultima mossa per contrastare la spinta della Cina nel Pacifico. L’ambasciata sta iniziando in piccolo, con un incaricato d’affari, un paio di dipendenti del Dipartimento di Stato e una manciata di impiegati locali. Gli Stati Uniti hanno precedentemente gestito un’ambasciata nelle Isole Salomone per cinque anni prima di chiuderla nel 1993 come parte di una riduzione globale dei posti diplomatici dopo la fine della Guerra Fredda.

Ma le audaci mosse della Cina nella regione spingono gli Stati Uniti a cercare di aumentare il proprio impegno in diversi modi, ad esempio donando vaccini Covid-19, riportando i volontari dei Peace Corps in diverse nazioni insulari e investendo in progetti forestali e turistici, riporta Nikkei.

L’apertura dell’ambasciata nelle Isole Salomone arriva mentre il nuovo leader delle Figi, il primo Ministro Sitiveni Rabuka, sembra rivalutare alcuni aspetti dell’impegno della sua nazione con la Cina. Rabuka ha dichiarato la scorsa settimana al Fiji Times di aver pianificato di porre fine a un accordo di addestramento e scambio di polizia con la Cina.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha notificato al Congresso all’inizio dello scorso anno che la crescente influenza della Cina nella regione ha reso prioritaria la riapertura dell’ambasciata delle Isole Salomone. Da allora, le Salomone hanno firmato un patto di sicurezza con la Cina, sollevando timori di un potenziamento militare nella regione, e gli Stati Uniti hanno risposto inviando diverse delegazioni di alto livello.

Le Isole Salomone hanno cambiato fedeltà dall’isola autogovernata di Taiwan a Pechino nel 2019, minacciando gli stretti legami con gli Stati Uniti che risalgono alla Seconda guerra mondiale.

«Stiamo vedendo questo legame indebolirsi mentre la Repubblica popolare cinese cerca aggressivamente di coinvolgere le élite politiche e imprenditoriali delle Isole Salomone, utilizzando un modello familiare di promesse stravaganti, potenziali prestiti infrastrutturali costosi e livelli di debito potenzialmente pericolosi», ha affermato il Dipartimento Usa in un Avviso di dicembre al Congresso ripreso dall’Associated Press. Gli Stati Uniti sono stati incoraggiati dall’impegno delle Isole Salomone a continuare a lavorare con partner di sicurezza tradizionali come l’Australia e gli Stati Uniti, ma sono rimasti preoccupati per la segretezza che circonda l’accordo di sicurezza con Cina.

Luigi Medici

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/