Tskhinvali- Mosca unico asse contro la corruzione

30

OSSEZIA DEL SUD -Tskhinvali. 24/08/13. TRe giorni di incontri dal 21 al 24 agosto tra il Ministero degli Affari Interni della Federazione Russa e l’Ossezia del Sud per discutere di cooperazione nei casi di corruzione, fonte Ria Novosti. Il ministro degli Interni dell’Ossezia del Sud, Akhsar Laveau, tra i temi in discussione posto la questione della possibilità di perseguire i cittadini russi, o cittadini con doppia cittadinanza, in caso di incriminazione o sospettati del reato di corruzione.

Secondo il Procuratore Generale della Repubblica vi sono più di 70 casi criminali di uso improprio dei fondi trasferiti per l’Ossezia del Sud dal bilancio russo. Tuttavia, il completamento di casi è ostacolato dal fatto che i cittadini dell’Ossezia del Sud per compiere gli illeciti abbiano potuto contare su cittadini di nazionalità russa che si rifiutano di cooperare volontariamente con l’inchiesta. L’Ossezia del Sud basa le sue richieste in base ad un accordo inter-agenzie, firmato nel 2009. Si prevede che una delegazione guidata dal Vice Ministro degli Affari Interni della Federazione Russa Igor Zubov cominci a collaborare con il Procuratore Generale della Repubblica dell’Ossezia del Sud.
Nel 2008, le forze georgiane hanno attaccato l’Ossezia del Sud e distrutto parte del suo capitale. La Russia ora sta aiutando l’Ossezia del Sud e l’Abkhazia a ricostruire l’economia. E in questo processo è sempre più rilevante il ruolo dei funzionari corrotti che stanno approfittando della situazione di vacanza normativa e di costruzione degli stati.