Oro nero nel bianco dei ghiacci

45

ALASKA – Polo Nord. Forse non sarà quest’anno, ma Royal Dutch/Shell e altre compagnie petrolifere stanno per iniziare una nuova campagna di perforazioni nei mari del nord dell’Alaska, stante la stabilità politica della zona e le acque poco profonde.

 

Stanche della effervescenza del Medio Oriente, allarmate dalla nazionalizzazione argentina delle attività del gruppo spagnolo Repsol, e sconvolte per l’assalto terroristico ad un impianto di gas algerino, le compagnie petrolifere stanno cercando di utilizzare parti non sfruttate dell’Artico.

La trivellazione nelle acque fredde e remote è tecnicamente difficile e costosa, ma stante la diminuzione della produzione in altre zone, le compagnie petrolifere sono state costrette a guardare al mare aperto, anche se più costoso.

Nei mari dell’Alaska si nasconde circa il 13 per cento del petrolio ancora da scoprire del mondo e il 30 per cento del suo gas.

Basti pensare che Exxon Mobil è al centro di una disputa in Iraq, il petrolio viene regolarmente rubato a Shell Nigeria dal Mend, BP e Statoil stanno riesaminando le operazioni in Algeria e Libia, dopo l’assalto all’impianto del Sahara.

L’Artico, nel mare aperto, non presenta tali rischi. Le controversie di confine tra le otto nazioni interessate membri del Consiglio artico sono pacifiche. Il suo isolamento offre una certa sicurezza, anche se le tempeste e le temperature diurne medie di meno 30 gradi a gennaio lo rendono un luogo difficile da cui operare.

Shell ha però già subito una serie di battute d’arresto nel Mare di Beaufort e di Chukchi locazione: i mari di Beaufort e di Chukchi da soli contengono circa 23 miliardi di barili di petrolio recuperabile, secondo l’US Bureau of Ocean Energy Management (Boem). Shell è stata la prima a perforare l’artico nel 1982. I più profondi pozzi offshore ora sono due volte più costosi: circa 77 miliardi di barili di petrolio da oggi al 2020 a un costo di 650 miliardi di dollari, secondo una ricerca condotta da Research Macquarie Equities.

Resta però l’incognita climatica. 

In un rapporto del 2012 Chatham House ha analizzato le tempesta dal 1950 trovando spunti per i cambiamenti climatici che mentre stanno aprendo i mari, possono costituire un peggioramento del tempo Artico, producendo più tempeste, come quella che ha colpito l’Alaska occidentale nel 2011.

La fusione del permafrost sta danneggiando gli oleodotti e le infrastrutture costiere a terra, e la scomparsa del ghiaccio causa la creazione di grandi iceberg, erosione costiera, più e più grandi onde su un mare più aperto, si afferma nel rapporto.

Tornando a shell, gli esperti dicono che il trasporto del petrolio via nave da Chukchi dal mare di Beaufort sembra irrealizzabile, durante il periodo luglio-ottobre, la stagione in cui Shell vuole lavorare. Shell ha annunciato di aver completato gasdotti in Russia, Canada e Norvegia in “condizioni simili”, ma mentre una piattaforma del Mare del Nord in genere funziona con solo tre o quattro navi di supporto, la maggior parte dei regolamenti previsti per piattaforme artiche richiede fino a una dozzina di navi destinate agli interventi.

Oltre a tutte le misure per proteggere strutture e uomini dalle rigidità del clima. Tuttavia, Chatham House stima che gli investimenti artici, per lo più petrolio e gas  offshore in totale potrebbero ammontare a 100 miliardi di dollari nei prossimi dieci anni.

Statoil ha fatto sapere che svilupperà un campo artico e polo petrolifero onshore in Norvegia ad un costo massimo di 16,3 miliardi dollari e recentemente ha approvato 10 miliardi dollari per il suo progetto Aasta Hansteen.

Eni in Italia sta spendendo 6,7 miliardi dollari sul Goliat nel Mare di Barents a nord della Norvegia, e Novatek e Total potrebbero pompare  20 miliardi di dollari a Yamal Lng. Rosneft e ExxonMobil stanno pianificando i lavori Mare di Kara, e la Norvegia venderà 72 blocchi nel mare di Barents questa estate. Altrove nel nord dell’Alaska in mare aperto, ConocoPhillips, Statoil, Eni, Repsol e Total hanno anche concessioni a Chukchi e/o un leasing a Beaufort nel 2014 e 2015.

CONDIVIDI
Articolo precedenteEuforia addio!
Articolo successivoCaos in Pakistan