Lima: meno 15% per l’export di metalli

43

PERU’- Lima. 11/06/14. Scende il ricavo dell’export da metalli in Perù. Il calo è stato del 22% attestandosi a 1,37 miliardi dollari nel mese di aprile, stimolando un deficit di 861 milioni dollari. Le esportazioni totali sono diminuite del 15% a 2,72 miliardi dollari. Fonte: banca centrale del Perù pubblicato da Andina News.

Le esportazioni di rame sono salite del 40,5% a 679 milioni dollari nel mese di aprile arrivando a 109.800 mt, rispetto ai 75.300 mt nello stesso mese dell’anno precedente, ha pubblicato la banca sul suo sito web. Salgono anche le esportazioni di zinco del 2% con un introito pari a 137 milioni dollari con un export pari a 103.000 tonnellate rispetto alle 100.000 tonnellate di un anno fa. L’incremento è dovuto all’aumento della produzione nelle miniere gestite da Volcan e unità Votorantim Metais Milpo. Cala vistosamente l’export dell’oro giallo.
Newmont e Barrick dimezzano a 243,1 mila once dalle 483,8 mila once all’anno precedente, registrando un meno 56% delle entrate delle esportazioni per un valore pari a 316 milioni dollari. Il prezzo dell’oro è sceso a 1299 $ / oz dai 1485 $ / oz del mese di aprile 2013, la banca ha detto. Secondo platts.com, le esportazioni sono diminuite da quando l’amministrazione Ollanta Humala ha incrementato i controlli sulle miniere illegali nella giungla amazzonica, che rappresentano circa il 12% della produzione del paese. Scende anche l’export di piombo meno 48% a 88 milioni di spedizioni dimezzato per 43.500 mt da 93.900 tonnellate di un anno fa. San Rafael ha registrato meno 46% e Minsur ha dimezzato la produzione a 1.100 mt dalle 2.300 tonnellate nel mese di aprile 2013. L’argento registra il meno 31% a 32 milioni dollari. Il molibdeno scende del 33%.
Il Perù è terzo più grande produttore mondiale di rame e argento e il quinto maggiore produttore mondiale di oro.