Omsk: vietate Halloween

55

RUSSIA – Omsk. 31/10/13. Problemi per la festa di Halloween in Russia. Nella città siberiana di Omsk in Russia a quanto pare i morti viventi non piacciono proprio. I primi a farne le spese sono stai gli zombi, banditi da oltre un anno. Quest’anno le autorità educative hanno preso di mira la festa Halloween. 

 

La festa è dannosa perché ha come oggetto: «Una celebrazione con elementi mistici di contenuti, come la promozione del culto della morte, ed il suo avatar, e può avere conseguenze devastanti per la salute mentale e morale degli studenti», hanno riferito gli esperti dell’Istituto dell’Accademia Russa di innovazione pedagogica ed Educazione Istituto Famiglia e Educazione in un comunicato pubblicato sul sito del Ministero della Pubblica Istruzione della regione di Omsk.

A questo comunicato hanno fatto seguito una serie di dichiarazioni di altri funzionari della chiesa che più o meno ricalcavano l’onda di perversione indicata dagli educatori. 

A preoccupare chiesa e educatori il fatto che si stia  «giocando con lo spirito maligno, e poi si inizia a giocare con loro seriamente. Iniziano gravi problemi di malattia, sconforto e disperazione» si legge sul sito Lifenews.ru. Dichiarazioni dell’arciprete Vsevolod Chaplin. Chaplin ha aggiunto che i giovani che celebrano questo giorno lo fanno a causa della mancanza di educazione spirituale e morale.

Halloween è una festa dalle origini celtiche e la si celebrava in occasione del raccolto. Che si celebrava il primo novembre, il Capodanno della tradizione celtica di Samhain. La gente credeva che in questa notte le anime dei morti tornassero alle loro case. La festa prende il nome dal dio celtico della morte. Nella cultura cristiana è entrata a far parte delle celebrazioni con Papa Gregorio IV nel IX secolo, con il nome di vigilia di Ognissanti, che si celebra durante l’anno 835, il 1 ° novembre. Il nome “Halloween” deriva dal termine scozzese All Hallows, ovvero la notte di “Ognissanti”. Ora è diventata una una festa laica durante la quale le persone si vestono in costume di vampiri, lupi mannari e streghe. Nel corso degli ultimi anni in alcune città russe si è cercato di vietare di Halloween, e la Chiesa ortodossa, ha un ruolo attivo nel sostenere queste misure. 

La chiesa ha offerto una controversa legge approvata nel mese di giugno e vieta «la propaganda dei rapporti sessuali non tradizionali» e approvato la detenzione di un membro del gruppo punk Pussy Riot che per protesta si era esibito nella Cattedrale a Mosca di Cristo Salvatore. Nella città di Omsk, le autorità sembrano aver deciso per la linea più dura contro celebrazione di Halloween. Nel mese di agosto 2012 a Omsk 300 persone si sono riunite per tenere una parata di zombie, ma la manifestazione non è stata autorizzata. Costantino Sayanko, un dipendente dell’amministrazione comunale, con una popolazione di oltre un milione di persone, ha detto al momento che la marcia violerebbe i diritti degli altri «Secondo la diocesi, la scena con i vestiti insanguinati può danneggiare la salute dei cittadini e dei bambini impressionabili» – ha detto.