L’Oman investe a Dar es Salaam

42

TANZANIA – Dar es Salaam 28/08/2013. Il ministrerò dei Trasporti della Tanzania e un potenziale investitore dell’Oman stanno negoziando una joint venture che, nel lungo periodo, possa rilanciare le speranze del paese dell’Africa orientale di creare una compagnia aerea nazionale.

Il ministro dei Trasporti Harrison Mwakyembe ha detto che detto che i tecnici del governo e gli esperti legali stanno studiando le proposte presentate dalla società omanita Al-Hayat Development & Investment Company per migliorare la sicurezza e le strutture di sicurezza dell’aeroporto internazionale Julius Nyerere di Dar es Salaam, e quelle per la formazione del personale per la gestione dei nuovi aeromobili della Air Tanzania Corporation Limited (Atcl). «Hanno fatto un grande lavoro per preparare le proposte. I nostri esperti sono a conoscenza del loro contenuto e hanno fatto suggerimenti che potrebbero consentire al progetto di decollare dopo un accordo che soddisfi entrambe le parti», ha detto Mwakyembe dopo il suo incontro con il direttore generale della società dell’Oman, lo sceicco Salim bin Al-Harthy. Dopo un giro per familiarizzarsi con lo scalo, Salim bin Al-Harthy ha annunciato che la sua azienda avrebbe fornito 100 milioni di dollari per l’aggiornamento dell’aeroporto e il rinnovamento delle sue strutture di sicurezza. «Sono venuto ad investire qui, in risposta all’appello del Presidente della Tanzania Jakaya Kikwete fatto quando ha visitato recentemente l’Oman. Dobbiamo fornire assistenza per consentire a questo paese di crescere investendo in un settore così importante» ha detto bin Al-Harthy. Sulla necessità di modernizzare i servizi di sicurezza, Salim ha poi aggiunto: «Oggi viviamo in un mondo che soffre per il terrorismo. Gli aeroporti devono essere protetti e tutti i bagagli e le merci devono essere accuratamente controllati per evitare la presenza di “oggetti pericolosi”». Un eventuale accordo tra l’investitore e il governo tanzaniano potrebbe decollare nei prossimi otto mesi. Secondo lo sceicco Salim, l’aggiornamento dei servizi aeroportuali dovrebbe includere l’acquisto di autopompe, di otto aerei passeggeri, due Embraer 175 dal Brasile e sei aerei Bombardier dal Canada, e la costruzione della sede centrale della compagnia aerea nel centro di Dar es Salaam.