Alcol vietato in Oman

198

OMAN – Muscat. 10/06/14. Il divieto di commercio e vendita al dettaglio di alcol nel regno sarà sottoposta al Consiglio per un voto di assenso e poi passerà al vaglio governo. Fonte Gulf News.

A Dubai la commissione legislativa e legale del Consiglio della Shura dell’Oman ha approvato e eletto una proposta di modifica di due articoli del codice penale del paese volti a criminalizzare il commercio e il consumo di alcol, nel sultanato. 

L’approvazione è arrivata dopo una riunione del comitato di Giovedi scorso, 5 giugno, presieduta dal membro del comitato Nasser Bin Khamis Al Khamisi. Fonte il quotidiano Al Shabiba dell’Oman.

Il rapporto ora è nelle mani del Consiglio della Shura per il voto. Se approvato, sarà sottoposto al Consiglio dei ministri. La proposta è stata fatta da un membro del comitato, Hameed Bin Ali Al Nasseri. La discussione sul divieto sebbene sia stata pubblica raccoglie le istanze di alcuni membri del  Consiglio degli ultimi anni. Il Sultanato Gran Mufti Shaikh Ahmad Bin Hamad Al Khalili ha pubblicamente espresso tutto il suo personale supporto all’appriovazione della legge.

La discussione sul commercio o meno dell’alcol è iniziata nel 2012 durante un forum pubblico presso Sultan Qaboos University di Muscat nel mese di ottobre. Ovvero quando è stato chiesto sul banchi universitari di trovare una soluzione per l’alto tasso di incidenti stradali. All’epoca  Al Khalili ha fatto saltare i “decision maker” per «non voler risolvere il problema, perché la soluzione sta nel divieto di alcol». «L’origine del problema è la presenza di alcol, e il divieto si risolverà gran parte del problema, ma la decisione politica [maker] non voglio questo», disse. Ma queste dichiarazioni non ebbero allora alcun sostegno pubblico. Non molti si spressero nei forum pubblici. 

Ma da allora a oggi molte cose sono cambiate. I primi interventi sono stati fatti dal Ministro per il commercio e uindustria. A lui fu chiesto di intervenire sul rialscio di licenze. Non solo verso il consumo di alcol. Tra i paesi del GCC, Kuwait e Arabia Saudita honno già posto il divieto sul consumo di alcol.

La scorsa settimana, i membri del parlamento del Bahrain ha approvato all’unanimità una proposta urgente chiedendo al governo di mettere in calendario la graduale eliminazione dell’alcol fino a quando non è completamente vietato. Il  Bahrain ha tentato diimporre la legge sin dal 2010, ma le iniziative dei parlamentari sono state bloccate dalla camera alta, il Consiglio della Shura, che è nominato dal re.

In Kuwait, l’alcool è stato assolutamente vietato dal parlamento dal 1983 in un processo in tre fasi a partire dal 1963 con proprio regolamento, poi il suo divieto, quindi criminalizzare il suo consumo. Il parlamento del Kuwait ha le competenze legislative per decidere in materia. Nonostante l’impegno l’alco in Kuwait e in Arabia Saudita arrivano attraverso il contrabbando.